Covid

Al San Gerardo sale il numero dei ricoverati Covid. Bonfanti: “Preoccupa Omicron”

Presso il Drive Through di viale Stucchi a Monza si sono registrati nelle ultime ore disagi a causa di un vasto numero di utenti senza prenotazione, mettendo in difficoltà l’intero sistema viabilistico.

covid-coronavirus-san-gerardo-by-Martina-Santimone-10

Attualmente sono 87 i pazienti Covid ricoverati al San Gerardo di Monza. Secondo l’ultimo bollettino diramato dal nosocomio cittadino (27 dicembre), 50 si trovano nel reparto di Malattie Infettive (27 non vaccinati), 11 in Pneumologia (7 non vaccinati), 13 in terapia intensiva (8 non vaccinati), 9 in UTIR (3 non vaccinati) e 4 in altri reparti (1 non vaccinato).

Nella settimana dal 20 al 26 dicembre hanno avuto accesso al pronto soccorso 1.535 utenti, di cui 260 con sintomatologia Covid, di cui 41 ricoverati. Nello stesso periodo sono purtroppo deceduti 5 pazienti. 

L’età media delle 87 persone ricoverate è di 68 anni.

Bonfanti: “Preoccupa la diffusione di Omicron “

Paolo Bonfanti, Direttore della Struttura Complessa di Malattie Infettive: “È in crescita questa settimana il numero dei pazienti ricoverati e gli accessi nel Pronto Soccorso nel percorso Covid. Questo risente di una ripresa epidemica e del diffondersi della variante Omicron, che ha una prevalenza del 40% nell’ultima rilevazione in Lombardia della settimana scorsa. Tra i pazienti ricoverati le caratteristiche sono molto differenti: un’età media intorno ai sessanta anni tra i non vaccinati e oltre i 72 anni tra i vaccinati, che spesso hanno più di una malattia cronica associata a Covid e quindi presentano fattori di rischio per contrarre l’infezione nonostante il vaccino. Preoccupa la diffusione di Omicron in quanto verso questa variante perdono di efficacia molte delle armi terapeutiche che abbiamo a disposizione, quali ad esempio gli anticorpi monoclonali. Diventa quindi ancor di più di vitale importanza proseguire la campagna vaccinale, anche per le persone che ancora non si sono sottoposte alla prima dose, in quanto i vaccini anti-Covid rimangono il più importante argine alla malattia anche di fronte al diffondersi di nuove varianti”.

SITUAZIONE TAMPONI

Presso il Drive Through di viale Stucchi a Monza si sono registrati nelle ultime ore disagi a causa di un vasto numero di utenti senza prenotazione, mettendo in difficoltà l’intero sistema viabilistico.

Fino al 9 dicembre sono stati eseguiti 500 tamponi al giorno. A partire dal 13 dicembre ne sono stati eseguiti 1000 al giorno, dalla settimana scorsa il numero dei tamponi è salito progressivamente a 1200 al giorno.

Si ricorda che al Drive Through si accede solo con prenotazione in presenza di motivazioni cliniche e quindi su indicazione del Medico di Medicina Generale o da parte della ATS al termine dell’isolamento.

L’esito dei tamponi sarà pubblicato sul Fascicolo Sanitario Elettronico.

CONFRONTO CON SETTIMANA PRECEDENTE

Alla data del 20 dicembre 2021, i ricoverati erano 74, di cui: 44 in Malattie Infettive (21 non vaccinati), 12 in Pneumologia (8 non vaccinati), 10 in terapia intensiva (4 non vaccinati), 7 in UTIR (6 non vaccinati), 1 TICCH (terapia intensiva cardio chirurgica).

Nella settimana dal 13 al 19 dicembre hanno avuto accesso al pronto soccorso 1.673 pazienti, di cui 177 con sintomatologia Covid, di cui 39 ricoverati.

12 le morti registrate. L’età media dei 74 pazienti ricoverati è di 66 anni.

leggi anche
coda tamponi
Caos
Delirio tamponi a Monza: mattinata di coda senza fine sul viale delle Industrie
tamponi-900x500
Regole
Covid, cosa fare in caso di contatto con un positivo. Ecco le regole da seguire
commenta