22 Ottobre 2020 Segnala una notizia
Usmate Velate, “Trasporto Protetto”: inaugurato un nuovo automezzo

Usmate Velate, “Trasporto Protetto”: inaugurato un nuovo automezzo

28 Settembre 2020

Un automezzo nuovo, in comodato d’uso gratuito al Comune di Usmate Velate, che sarà fin da subito messo a disposizione del territorio per il trasporto di anziani e persone diversamente abili.

Come già avvenuto negli anni passati, l’Amministrazione Comunale rinforza il progetto “Trasporto protetto”, l’indispensabile servizio curato dal Gruppo Volontari Trasporto di Usmate Velate e rivolto ai cittadini che frequentano centri diurni, centri socio-educativi, centri specialistici o devono recarsi presso luoghi di cura per terapie, visite, esami medici, oppure effettuano tirocini per l’inserimento lavorativo protetto e sono impossibilitati a muoversi con i propri mezzi o con i mezzi pubblici e non possono contare sull’aiuto di familiari o vicini.

Il nuovo automezzo, un Fiat Doblò, presentato ufficialmente nella mattinata di sabato 26 settembre in Municipio alla presenza del Sindaco Lisa Mandelli e dell’Assessore ai Servizi alla Persona Greta Redaelli, è il frutto di una sinergia fra pubblico e privato. Il comodato d’uso da parte del Comune è infatti il frutto dell’aiuto ricevuto da aziende e privati del territorio cha hanno aderito con entusiasmo al progetto e sono diventati sostenitori del servizio attraverso l’inserimento di banner pubblicitari sulla carrozzeria del mezzo.

Le aziende e le attività commerciali del territorio potranno promuovere la loro attività con la strategia di marketing della pubblicità itinerante, acquistando maggiore visibilità locale e contribuendo ad un’azione di solidarietà di interesse sociale e territoriale.

Fondamentale in tal senso è stata la veicolazione del messaggio sociale e pubblicitario da parte di Global Mobility System, l’azienda che si è occupata di vendere gli spazi pubblicitari contribuendo alla sostenibilità economica del progetto e consentendo di fatto all’Ente di disporre di un pulmino a costo zero per la collettività.

Il veicolo potrà ospitare fino ad un numero massimo di 4 passeggeri, di cui 1 con ridotte capacità motorie. Attrezzato con elevatore elettrico per carrozzine e dispositivo per superare barriere architettoniche, è dotato di tutte le più moderne tecnologie per ospitare passeggeri con diverse disabilità.

“Il nuovo automezzo, è l’ulteriore dimostrazione dell’attenzione che il Comune ha nel fornire accompagnamenti presso luoghi di cura di cittadini diversamente abili, anziani e persone con ridotta capacità motoria per ragioni psichiche, fisiche o familiari dovute a più svariati motivi – affermano il sindaco di Usmate Velate Lisa Mandelli e l’assessore Greta Redaelli – Abbiamo scelto questa modalità per offrire ai nostri concittadini questa preziosa e indispensabile opportunità di trasporto. La risposta delle imprese del territorio, nonostante il periodo di difficoltà economica, è stata all’insegna della generosità del senso di responsabilità. Ai privati che hanno aderito al progetto assicurando il loro supporto economico, va il ringraziamento di tutta l’Amministrazione Comunale”.

L’automezzo sarà gestito direttamente dal Gruppo Volontari Trasporti di Usmate Velate il cui lavoro prosegue ininterrotto: per entrare a far parte del gruppo di volontari presieduto da Elio Sala, è possibile scrivere all’indirizzo email uv.ufficiovolontaritrasporti@gmail.com

Ulteriori informazioni sul servizio sono reperibili sul sito del comune

I numeri del servizio 

Il progetto del servizio Trasporto Protetto, già attivo a Usmate Velate dal settembre 2001, è garantito dal Gruppo Volontari Trasporti di Usmate Velate che conta su 64 volontari coordinati dai Servizi Sociali del Comune di Usmate Velate. Complessivamente, 50 svolgono il ruolo di autisti, 9 sono persone addette al lavoro d’ufficio, altri 5 sono accompagnatori, ovvero volontari che salgono sui mezzi come passeggeri e sono indispensabili nei casi in cui si devono trasportare minorenni o utenti difficili.

Il Gruppo dispone ora di sei veicoli: un Opel Combo, un Renault Kagoo, due Fiat Doblò Bianco, un Fiat Ducato e una Fiat Punto. Tranne quest’ultima vettura, impiegata per servizi più snelli, tutti gli altri mezzi hanno la possibilità di trasportare carrozzine, issabili a bordo con appositi elevatori.

Le cifre dei trasporti sono importanti: nell’annualità 2019 sono stati svolti oltre 6000 servizi per un media di quasi 550 al mese, con punta di oltre 700 come nel caso del mese di ottobre. La tipologia dei servizi riguarda per il 41% il trasporto dei disabili, seguiti da anziani con il 37%, poi i minori al 18% e infine un 4% di servizi vari.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

BrianzAcque e Acli per il sociale: al via la seconda edizione di “AcquaInsieme”

BrianzAcque e Acli Milanesi presentano il progetto AcquaInsieme. Obiettivo sensibilizzare il concetto di acqua come bene comune

Covid: a Monza e Brianza 5.712 positivi. L’aggiornamento dei sindaci

Nella provincia di Monza e Brianza dall'inizio dell'emergenza sanitaria legata al Covid-19. si contano 5.712 (+6) pazienti positivi. 

Cura e benessere per le tue piante: al centro giardinaggio San Fruttuoso i segreti per un’irrigazione perfetta

Il centro giardinaggio San Fruttuoso di Monza ci parla di come innaffiare e irrigare le nostre piante in modo pratico ed economicamente vantaggioso

Lambro in secca, ENPA lancia l’allarme: drammatiche conseguenze per la fauna

All’associazione arrivano numerosissime segnalazioni di cittadini indignati per la sorte riservata ai piccoli di germano reale che sono costretti a camminare sull'asfalto rovente.

Anziana morta, svolta nelle indagini. Il marito confessa: “L’ho strangolata”

Le motivazione del gesto sono ancora da approfondire ma non si esclude l’impeto di ira in un contesto familiare drammatico delineato da tanta sofferenza.