20 Aprile 2019 Segnala una notizia
"Inclusive Future": a Monza e in provincia lo sport diventa inclusivo

“Inclusive Future”: a Monza e in provincia lo sport diventa inclusivo

15 Aprile 2019

Un seminario per presentare le attività di “Inclusive Future”, il programma per lo sviluppo della pratica dello sport inclusivo a Monza e in alcuni comuni della provincia: succederà martedì 16 aprile, a partire dalle 16.45, negli spazi della scuola primaria Citterio di via Collodi, a Monza.

Il workshop prenderà il via alle 17: ai saluti istituzionali del Comune di Monza e della Fondazione della Comunità di Monza e Brianza onlus seguirà un workshop, nel salone dell’istituto, durante il quale saranno presentati i programmi ludico-motori inclusivi pensati per la scuola dell’infanzia e per la prima fascia della scuola primaria. Parteciperanno gruppi di bambini, insegnanti e tecnici sportivi che operano nelle scuole aderenti al progetto.

DI COSA SI TRATTA

“Inclusive Future” intende originare un vero e proprio salto di qualità per quanto riguarda l’inclusione e la riconquista della valenza sociale e formativa dello sport, attraverso un uso nuovo e innovativo della prassi motoria e sportiva. Alla cabina di regia partecipano tutti gli attori fondamentali del sistema: l’Amministrazione Comunale di Monza attraverso i Settori Sport, Servizi Sociali e Istruzione, i Comuni di Briosco, Renate e Veduggio e le realtà scolastiche, le società sportive dei territori interessati e il progetto Tiki Taka: a coordinare le attività, a impostare gli interventi, la formazione e la supervisione, l’Associazione Sportiva Dilettantistica “Silvia Tremolada” di Monza.

OBIETTIVI

“Per attività motoria e sportiva inclusiva – spiegano dalla ASD “Silvia Tremolada” – si intende un insieme di buone prassi motorio-sportive che, a differenza dello sport tradizionale, non sono concentrate sulla prestazione e sul risultato tecnico: si concentrano invece sulla crescita e sullo sviluppo di socialità e di capacità relazionali, sulla coesione sociale. “Inclusive Future” intende creare, e radicare, esperienze sportive inclusive significative sul territorio brianzolo, mettendo in rete scuole e realtà sportive, così da contribuire a migliorare la qualità della vita degli atleti coinvolti. Il progetto intende anche fornire strumenti di formazione ai tecnici delle società sportive, in modo da aiutarli a diventare sempre più preparati, e autonomi, nella gestione dell’inclusione”.

La Fondazione della Comunità di Monza e Brianza onlus ha deciso di sostenere il progetto con un contributo pari a 40mila euro. Per la Fondazione il processo che ha portato all’ideazione del progetto è stato interessante e innovativo, perché realizzato attraverso una call e poi condiviso con tutti i protagonisti. La progettazione, partecipata, si è svolta nel corso di più incontri. L’iniziativa è stata sostenuta attraverso la linea di finanziamento “Idee progettuali 2018”: il piano di erogazione della Fondazione l’anno scorso ha riservato una quota ulteriore di risorse per la realizzazione di progetti e di idee condivise con le organizzazioni del territorio. La raccolta di idee e di sollecitazioni è stata realizzata con il preciso proposito di avviare una nuova forma di dialogo con la Fondazione.

DOVE

Il progetto “Inclusive Future” ha preso il via nel corso del mese di gennaio 2019 e si concluderà nel dicembre 2020: ha previsto l’attivazione e lo sviluppo di programmi ludico-motori inclusivi nelle scuole dell’infanzia “Sacra Famiglia”, paritaria, a San Fruttuoso, e “Mirò” e “Giotto”, afferenti all’Istituto Comprensivo statale “Don Lorenzo Milani”. Coinvolte anche le Scuole Primarie e la Secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo di Renate – Veduggio – Briosco.

ULTERIORI SVILUPPI

Previsti con il prossimo anno scolastico ulteriori coinvolgimenti di altre classi delle Scuole Primarie degli Istituti Comprensivi monzesi “Don Lorenzo Milani” e “Foscolo”. Ma non ci si ferma qui: perché, intanto, nel mese di luglio saranno organizzati due camp sportivi inclusivi rivolti a bambini tra i tre e i cinque anni. Ha preso invece il via nelle scorse settimane la collaborazione con la polisportiva “Forti e Liberi”, che consente, il sabato pomeriggio, ai ragazzi dell’ASD “Silvia Tremolada” di allenarsi sul campo di atletica.

CON CHI

Numerose le società sportive del territorio che partecipano al programma: Vero Volley Monza, Scuola di Judo Monza, Astro Skating Monza, ASD Il Salto di Monza, Polisportiva Forti e Liberi di Monza, Associazione Bocciofila Veduggese, Società polisportiva Oratorio di Veduggio, Veduggio Calcio, ASD Gruppo Tennis Brianteo.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Striscia la Notizia, Tapiro dʼoro a Morgan dopo il pignoramento dell’abitazione

Morgan riceve il Tapiro d'oro da Valerio Staffelli. Il Tribunale di Monza ha pignorato la sua abitazione e messo all’asta l’immobile. Il cantante rivela che dovrà lasciare la casa entro il 30 aprile. 

Dove grigliare in Brianza? Ecco alcuni luoghi dove andare!

Aree attrezzate per picnic e barbecue in Brianza e dintorni. Ecco dove grigliare con l'arrivo della bella stagione.

Pasqua e Pasquetta in Brianza: ecco cosa fare

Ecco qualche idea per trascorrere i giorni che accompagneranno la Pasqua con iniziative per tutti i gusti.

Monza, al posto del vecchio Maestoso nascerà un mercato al chiuso

Lavori in corso nel cantiere dove sorgeva la sala cinematografica. La conclusione è prevista entro il prossimo autunno

I genitori di Gabriele, 25enne deceduto al lavoro: “Non si può morire così!”

In occasione del presidio unitario indetto da CGIL, CISL e UIL Massimo ed Ester, raccontano il giorno in cui sul lavoro è morto loro figlio