18 Settembre 2021 Segnala una notizia
Monza, Porta Lodi tra insicurezza e degrado: la denuncia dei condomini del civico 2

Monza, Porta Lodi tra insicurezza e degrado: la denuncia dei condomini del civico 2

10 Luglio 2017

Insicurezza, degrado, problemi di ordine pubblico. Sono le caratteristiche principali del caso che vi stiamo per raccontare. Protagonista non la sperduta periferia di un piccolo paese, ma il pieno centro del capoluogo della Brianza. Siamo, infatti, all’interno di quelle che erano le mura dell’antica Modoetia, l’attuale Monza. Dove una volta c’era Porta Lodi ed ora c’è l’omonima via, la vivibilità è in una situazione decisamente critica. Questa la denuncia che è giunta ad MBNews da parte di alcuni condomini della residenza di Porta Lodi, 2. Dalla segnaletica orizzontale ormai scomparsa appena fuori l’ingresso principale dell’edificio ai marciapiedi malridotti o totalmente assenti, dagli accessi secondari inutilizzabili in via Cernuschi ai costanti schiamazzi provenienti dai giardini di via Azzone Visconti.

“La nostra residenza che è a pianta quadrata ormai da tempo non ha più un lato sicuro – spiega Paola Sala Scotti, una dei condomini – in via Porta Lodi la segnaletica orizzontale, ottenuta negli anni con tanta fatica, è ormai quasi completamente scomparsa, non esiste un marciapiede in via Carlo Porta e quello di via Porta Lodi e via Colombo è ormai talmente sconnesso e pericoloso che le persone, con il rischio di essere investite, preferiscono camminare sulla strada”.

porta-lodi-mb

 

Non meno grave dei problemi legati alla viabilità è il diffuso stato di insicurezza di questa area a due passi dal Duomo di Monza. “Durante il periodo estivo, siamo costretti ad assumere personale extra per vigilare la residenza di notte dove spesso persone indesiderate saltano il muro di cinta per godersi un bagno in piscina – afferma la signora Sala Scotti, che vive in Porta Lodi da quasi 20 anni – l’accesso da via Cernuschi è sede di bivacco giornaliero e utilizzata per deiezioni lungo il muro che costeggia la residenza. Per questo – continua – i ragazzi che vi abitano utilizzano per le biciclette l’accesso pedonale ed incorrono nelle ire dei condomini”.

L’altro fronte caldo per il condominio della residenza di Porta Lodi, 2 è via Azzone Visconti. “I giardini che costeggiano la ferrovia da sempre sono frequentati dagli spacciatori e personalmente ho fatto più volte intervenire la polizia, che ha sempre agito – spiega Sala Scotti – ora, però, quei giardini sono diventati la residenza estiva di extracomunitari. Assolutamente legittimo – continua – se non fosse che a qualsiasi ora del giorno e della notte ascoltano musica a tutto volume, fanno consumo di alcolici lasciando i loro resti bellamente sul muro che costeggia il Lambro e spesso le serate e i lunghi pomeriggi finiscono in risse”.

porta-lodi5-mb

Le problematiche della zona di Porta Lodi sono state più volte oggetto di segnalazioni da parte dei residenti. “Già nel 2007 ho scritto all’allora assessore Paolo Confalonieri per la mancanza di spazio riservato ai pedoni e le condizioni dei marciapiedi – ricorda la condomina del condominio di Porta Lodi, 2 – poi nel 2015 ho avuto modo di parlare con il sindaco Roberto Scanagatti e con l’assessore alla Opere Pubbliche, Antonio Marrazzo. Purtroppo – continua – con il passare degli anni la situazione non è certo migliorata, anzi direi piuttosto che è degenerata”. A complicare ulteriormente la questione c’è anche l’estrema vicinanza di piazza Cambiaghi. Dove, noi di MBNews, abbiamo più volte segnalato la stato di incuria, abbandono ed insicurezza (leggi l’articolo).

porta-lodi4-mb

Le vacanze estive ora allontaneranno dalla residenza di Porta Lodi, 2 e dai disagi della zona una buona parte dei condomini. Che, per alcuni giorni, potranno godersi serenità e riposo. Da settembre, però, la quotidiana realtà tornerà a farla da padrona. In mancanza di interventi della nuova amministrazione cittadina, guidata dal sindaco Dario Allevi, ai residenti, soprattutto a quelli religiosi e credenti, forse non resterà che affidarsi all’edicola votiva di Gesù crocifisso, proprio a sinistra dell’ingresso principale del condominio.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi