10 Maggio 2021 Segnala una notizia
Monza, attendeva riconoscimento come rifugiato: arrestato per spaccio

Monza, attendeva riconoscimento come rifugiato: arrestato per spaccio

5 Luglio 2017

Era in attesa di ricevere il permesso di soggiorno per rifugiati politici, dopo aver presentato la richiesta di protezione internazionale a febbraio, ma è stato arrestato per detenzione di droga ai fini dello spaccio. Ora D.M, ivoriano di 22 anni, rischia di perdere ogni beneficio in merito.
Era in attesa di possibili clienti ai giardinetti di piazza Artigianelli quando gli agenti del commissariato di Polizia di Monza lo hanno visto nei giardinetti insieme ad altri connazionali.

La zona, ormai tristemente nota per i numerosi episodi di spaccio di sostanze stupefacenti, furti e rapine, è per le forze dell’ordine una tappa pressoché obbligata durante i turni di pattuglia. Quando gli agenti si sono avvicinati al gruppo di giovani chiedendo i documenti, il ventiduenne ha esibito loro la richiesta di protezione internazionale presentata proprio all’Ufficio Immigrazione del Commissariato di Monza. I poliziotti, esaminato il documento hanno deciso di perquisire il giovane, nel cui zainetto gli agenti hanno trovato 22 bustine in cellophane trasparente termosaldate contenenti circa 17 grammi di marijuana. Nel suo portafogli i poliziotti hanno anche trovato oltre 200 euro in contanti che, dato che il giovane non svolge alcuna attività lavorativa, sono presumibilmente conseguenza della sua attività illecita. Il giovane è stato quindi arrestato e portato in camera di sicurezza.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi