Quantcast
Capodanno, fiumi di alcol e incidenti: la lunga notte del 118 - MBNews
Attualità

Capodanno, fiumi di alcol e incidenti: la lunga notte del 118

Capodanno 2016: tra alcol e incidenti stradali. Lunga, lunghissima, la notte di San Silvestro per gli uomini del 118 e le forze dell’ordine brianzole.

Ambulanza3-mb

Capodanno 2016: tra alcol e incidenti stradali. Lunga, lunghissima, la notte di San Silvestro per gli uomini del 118 e le forze dell’ordine brianzole. La maggior parte degli interventi hanno riguardato giovani e giovanissimi con gravi intossicazioni etiliche e sinistri.

Cinque chiamate per abuso di alcol, sei per incidenti stradali: questo il bollettino di fine anno. A Monza si è alzato il gomito alle ore 5 in via Cederna, dove un’ambulanza è andata in soccorso di un uomo di 48 anni. Stesso intervento alle ore 13.45 circa, in via Mazzini, a Villasanta, protagonista un 29enne. Codice rosso a Giussano, poco prima delle ore 3, in via Cavour: un’ambulanza è intervenuta in aiuto di un ragazzo di appena 21 anni. Il giovane è stato trasportato all’ospedale di Carate. Alle ore 1.30, è stato invece trasportato all’Ospedale una donna di 51 anni. Intossicazione etilica anche a Cesano Maderno, in via Tevere.

Paura poi per un incidente avvenuto sempre a Cesano alle prime luci del nuovo anno in via Nazionale dei Giovi. Alle 2 circa del mattino un uomo di 40 anni è stato investito. Trasportato all’ospedale San Gerardo, sono intervenuti i carabinieri di Desio. Sono invece finiti contro un ostacolo due 40enni, rispettivamente a Carate e Meda. Entrambi sono stati portati in nosocomio in codice giallo. A Concorezzo, poco dopo le ore 21, sulla sp Milano-Imbersago (sp 3), è finito fuori strada un 32enne.
Tragedia a Cesano Maderno dove si è verificato un episodio di intossicazione da monossido di carbonio. Un uomo di 54 anni, padre di due figli, è deceduto durante il trasporto in ospedale la notte di San Silvestro.

E se fortunatamente in Brianza i botti durante i festeggiamenti di San Silvestro non hanno causato alcun danno, assai diverso il bollettino lombardo. Venti i feriti in tutto (il dato è stato diffuso dalla Polizia di Stato). 12 in provincia di Milano, 2 a Sondrio, 2 a Pavia, 2 a Brescia, 1 a Varese e 1 a Como. A Milano, in particolare sono stati 5, di età compresa tra i 14 e i 67 anni, e con prognosi da 1 a 40 giorni: gli altri 7 si sono avuti nell’hinterland. L’episodio più grave ha riguardato un 14enne trasportato all’ospedale di Sesto S.Giovanni (Milano) che ha riportato gravissime lesioni alla mano destra dopo che gli era scoppiato in mano un petardo da lui stesso potenziato. Ha riportato una prognosi di 40 giorni, salvo eventuali compromissioni della piena funzionalità dell’arto.

 

commenta