07 Maggio 2021 Segnala una notizia
Gran Premio blindato: aumentano le misure di sicurezza

Gran Premio blindato: aumentano le misure di sicurezza

1 Settembre 2016

​Sicurezza in primo piano in vista del prossimo Gran Premio di Monza, dove alla luce del periodo storico, sono state prese delle precauzioni in più. Tre giorni di sport e festa ma anche di sorveglianza, con l’Autodromo che per la prima volta introdurrà anche i controlli con metal detector  e servizi di vigilanza ad hoc.

L’evento motoristico richiama nel tempio della velocità oltre 100mila tifosi e per una maggiore sicurezza si è deciso di attuare nuove procedure di controllo. Martedì la Prefettura di Monza, durante il consueto incontro del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza a cui hanno partecipato tutti i vertici delle forze dell’Ordine e di Polizia, ha annunciato una maggiore presenza di uomini durante i tre giorni di gara e controlli scrupolosi agli accessi al circuito.

La novità maggiore però riguarda lo storico ed immancabile accesso alla pista, un appuntamento che tutti i tifosi che da anni popolano le tribune di Monza aspettano con trepidazione. Per loro, come dichiarato ieri in conferenza stampa in Autodromo, ci sarà da pazientare un po’.
Per l’accesso in pista, sia durante le passeggiate pre-gara attraverso i box, che al termine della competizione quando la folla di bandiere si snoda fin sotto il podio, sarà necessario passare attraverso metal detector. “Chiediamo un po’ di pazienza, bisogna capire che viviamo un momento delicato ed è una precauzione per il bene di tutti”, ha dichiarato il Presidente Aci Milano Ivan Capelli.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi