Attualità

Arcore, al via i lavori per la vasca volano: “Niente più allagamenti”

Iniziano i lavori per il contenimento delle acque ad Arcore: entro la prossima primavera non ci saranno più allagamenti nel centro storico.

conferenza-arcore-brianzacque-mb

Arcore non si allagherà più. Parola di sindaco. Iniziano oggi i lavori per la costruzione della grande vasca volano che conterrà le acque in eccesso della Roggia Valfazzola a protezione del centro storico.

Ad un anno dall’alluvione che ha colpito Arcore, si apre dunque il cantiere progettato da BrianzAcque con il fondamentale contributo privato della famiglia Spinelli che ha messo a disposizione del comune a titolo gratuito l’area verde della proprietà Cascina Eugenio per poter realizzare la vasca di contenimento delle acque.

sindaco-arcore-con-spinelli-mbIl grande bacino ovale avrà una capacità di quasi 8.500 metri cubi e una profondità massima di 3,5 metri. Il costo totale dei lavori, che si svolgeranno indicativamente in 150 giorni, da oggi al 12 maggio 2016, è  di 768.654,06 euro: 638.766 euro, pari all’83% della somma, saranno pagati dal Comune di Arcore, mentre i rimanenti costi di 130 mila euro, pari al 17% saranno sostenuti dal Comune di Lesmo.

I lavori sono stati resi possibili grazie alla sinergia tra BrianzAcque, il Comune di Arcore, la famiglia Spinelli ed anche il Comune di Lesmo che ha contribuito alla causa pur non essendo direttamente coinvolto”, ha dichiarato Rosalba Colombo, sindaco di Arcore. “Dopo il recupero della Villa Borromeo – ha spiegato l’assessore Fausto Perego – volevo togliermi anche questo sassolino dalla scarpa (e la scarpa con un gesto plateale se l’è tolta sul serio davanti a tutti, ndr), per questo ho insistito che i lavori fossero fatti al più presto.”

Il rendering del progetto, messo a disposizione da Enrico Boerci, presidente di BrianzAcque s.r.l., ha evidenziato come questi lavori contribuiranno anche all’abbellimento dell’area nel pieno rispetto dell’ambiente circostante. “Abbiamo deciso di creare un muro di contenimento fatto interamente di pietre naturali per limitare l’impatto ambientale dei lavori”, ha spiegato Boerci.

Il sindaco di Lesmo Roberto Antonioli, spiegando il suo coinvolgimento nel progetto, ha scherzato: “Ho voluto che anche il mio comune contribuisse ai lavori perché non volevo essere il sindaco di un comune “cattivo” che dalla sua collina scarica le acque su Arcore creando disagi agli abitanti!”

Niente più ironia dunque, Arcore non sarà più come Venezia ma, da questa primavera, sarà in grado di contenere le acque anche nei periodi di pioggia che, come lo scorso novembre, hanno superato di 6 volte la media di pioggia stagionale.

 

 

commenta