05 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Muggiò: è in libertà la donna che ha rinchiuso i genitori: "li proteggevo"

Muggiò: è in libertà la donna che ha rinchiuso i genitori: “li proteggevo”

19 Luglio 2013

Gino C., 78 anni, è morto cadendo dal balcone di casa, dalla quale stava cercando una via di fuga perché chiuso a chiave in casa con la moglie disabile dalla figlia. A.C, 48enne di Muggiò arrestata in seguito alla tragedia per sequestro di persona, maltrattamenti ed omicidio colposo, è tornata a piede libero e si difende dalle accuse.

La tragedia si è consumata mercoledì pomeriggio, in via della Repubblica a Muggiò. Gino C., 78 anni,è morto cercando di uscire di casa, calandosi dal balcone con il filo di un’antenna. La 74enne madre disabile della donna, liberata dai Vigili del Fuoco, avrebbe raccontato della prassi della figlia di chiuderli in casa ed alcuni vicini avrebbero raccontato ai carabinieri della forte tensione che vi era in famiglia. A.C., però, racconterebbe una versione diversa, ovvero di essere stata costretta a chiudere i genitori in casa a chiave per tutelarli, dato che il padre sembrava solito andare al bar e bere un po’ troppo. La casa della donna, una dimora semplice, è mandata avanti con le sue sole forze e nonostante il difficile rapporto con il padre, di cui sembrerebbero esserci tracce di un passato da alcolista conclamato. Il Gip del Tribunale di Monza, venerdì mattina, non ritenendo la sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza necessari per la convalida della custodia cautelare in carcere, ha deciso di rimettere A.C. a piede libero. La 48enne resta comunque indagata.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi