06 Luglio 2020 Segnala una notizia
PLIS Grubria, i Comitati cittadini raccolgono mille firme: perché Monza è assente?

PLIS Grubria, i Comitati cittadini raccolgono mille firme: perché Monza è assente?

23 Giugno 2020

L’ingresso di Monza consentirebbe al PLIS Grubria, il Parco di Interesse Sovracomunale nato nel 2019 dall’unione del Parco Grugnotorto-Villoresi con quello della Brianza Centrale (leggi l’articolo), di aumentare di un terzo la popolazione dei Comuni consorziati, per il momento 10 per 350mila abitanti complessivi.

Ma il ruolo attuale della città di Teodolinda è molto simile a quello di Godot nel noto dramma teatrale di Samuel Beckett. Perché l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Dario Allevi continua a farsi attendere. E a non stipulare la Convenzione con  il PLIS Grubria.

LA PETIZIONE

Secondo quanto affermano il Coordinamento ambientalista Ptcp (Piano territoriale di coordinamento provinciale) di Monza e della Brianza e il Coordinamento delle associazioni e dei Comitati di Monza in una petizione on line sostenuta da 1.076 firme, “il 24 ottobre 2016 il Consiglio Comunale di Monza con delibera n. 77 aveva approvato l’adesione al Parco del Grugnotorto-Villoresi con l’inserimento di 218 ettari di aree libere – spiegano – delibera mai ritirata dall’attuale amministrazione Allevi che, però, non ha mai versato una quota al PLIS Grubria e a Febbraio 2018 ha annunciato di voler uscire dal PLIS Grugnotorto-Villoresi, di cui sembra soltanto attendere la fine della fase di liquidazione e la naturale chiusura”.

“Non capiamo perché il Comune di Monza non voglia prendere parte al nuovo Parco sovracomunale Grubria – afferma Giorgio Majoli, portavoce del Coordinamento delle associazioni e dei Comitati di Monza in una conferenza stampa alla Boscherona – le poche decine di migliaia di euro da versare per la quota, 15.282 per il 2018 e 35.514 per il 2019, non sarebbero sicuramente un problema per un’amministrazione che ha chiuso il bilancio 2019 con un avanzo di 7 milioni di euro”.

“Manderemo via Pec a tutti gli indirizzi istituzionali di Piazza Trento e Trieste la nostra petizione con le oltre mille firme raccolte (vedi l’approfondimento) – continua – ci aspettiamo il prima possibile una risposta sulla mancata adesione, cosa che stiamo chiedendo da mesi”.

GLI SVILUPPI

La preoccupazione degli ambientalisti è che l’atteggiamento del Comune di Monza possa celare la volontà di realizzare ulteriori interventi di cementificazione. Magari anche nelle aree verdi e agricole della Boscherona, della parte ovest di San Fruttuoso (due fasce di spazi aperti), e del Casignolo (a sud di viale Campania), precedentemente inserite nel Parco del Grugnotorto – Villoresi e naturali candidate a far parte del PLIS Grubria.

“Il deposito della linea metropolitana M5 previsto nel relativo studio di fattibilità potrebbe sorgere proprio nell’area del Casignolo” sostiene Majoli, presente alla conferenza stampa insieme a Maddalena Viola di Legambiente Monza, Alberto Colombo dell’Osservatorio Ptcp di Monza e Brianza e Giacomo Correale del Comitato via Boito/Monteverdi.

Per il Coordinamento Ptcp (Piano territoriale di coordinamento provinciale) di Monza e della Brianza e quello delle associazioni e dei Comitati di Monza, la battaglia sul PLIS Grubria, che ha la sede ufficiale a Nova Milanese e attualmente vede Desio in possesso del 20% delle quote complessive (qui il dettaglio), è solo un tassello della tematica più generale sulla tutela del verde e delle aree agricole.

Monza e Brianza è capolista nella triste classifica delle province d’Italia con il più alto indice di consumo di suolo – spiega Majoli – per fortuna Monza ha ancora 4 milioni e mezzo di metri quadrati di aree agricole, a cui si aggiungono altri 7 milioni e mezzo del Parco. Non è poco, ma è da difendere”.

Il PLIS Grubria sta attirando le attenzioni degli ambientalisti anche a Meda. “Vogliamo che la zona sud entri nel nuovo Parco sovracomunale – afferma Colombo – ci siamo rivolti all’amministrazione comunale, che dopo una prima disponibilità, non ha fatto seguire atti concreti”.

IL COMUNE DI MONZA

Se alcuni residenti della Boscherona, presenti alla conferenza stampa, sostengono la petizione degli ambientalisti e chiedono che ci sia un maggiore interesse dell’amministrazione anche sulla manutenzione del verde delle aree abbandonate dai privati, il Comune di Monza, per il momento, non risponde agli ambientalisti sul PLIS Grubria.

“Siamo impegnati su altri fronti prioritari, anche se abbiamo presente il tema – afferma l’assessore comunale all’Ambiente e all’Urbanistica, Martina Sassoli – ne riparleremo più avanti”. Chissà se Piazza Trento e Trieste, in merito al neonato Parco sovracomunale brianzolo, farà la stessa fine di Godot. Che, eternamente atteso durante l’opera teatrale, non si presenterà mai sulla scena.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi

Covid, un nuovo decesso a Seregno. La 38esima vittima da inizio emergenza

Il Coronavirus miete una nuova vittima a Seregno, la 38esima da inizio emergenza. A commentare la triste notizia è il sindaco Alberto Rossi. 

Brugherio, cresce il numero delle sorveglianze attive. Troiano “Non abbassate la guardia”

Nella giornata di ieri la provincia di Monza e Brianza ha registrato 5 nuovi casi positivi al Coronavirus. Ecco gli ultimi aggiornamenti forniti dal sindaci brianzoli.

Aggiornamento Coronavirus: i dati diffusi da Regione Lombardia al 6 luglio

Sono 111, di cui 76 a seguito di test sierologici e 23 'debolmente positivi', i nuovi contagi Covid in Lombardia.

Arcore, da Elisabetta Baggio a “Leli Neeraja” per amore della danza indiana

L'arcorese, insegnante di danza orientale e di yoga, trascorre ogni anno tre mesi in Rajastan per studiare una danza classica originaria dell'Orissa.

Effetto Covid sul gradimento in politica: Dario Allevi sale, Attilio Fontana scende

L'emergenza Coronavirus investe la politica locale. Sindaci e governatori, passato il peggio, si trovano ora a fare i conti con le percezioni dei cittadini.