03 Aprile 2020 Segnala una notizia
L'appello, per l'emergenza nuove regole per l'impiego della protezione civile

L’appello, per l’emergenza nuove regole per l’impiego della protezione civile

18 Marzo 2020

Nella giornata di ieri, martedì 17 marzo, la Regione Lombardia ha chiesto di attivare alcune misure straordinarie per permettere ai volontari della protezione civile di svolgere le proprie attività anche oltre i limiti dei 30 giorni consecutivi consentiti.

La richiesta è arrivata dall’Assessore regionale al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni, in una lettera inviata al Dipartimento Centrale della Protezione Civile. Nello specifico l’Assessore ha chiesto «un intervento normativo in tempi brevissimi per sottrarre l’attività dei volontari della Protezione civile lombarda alla discrezionalità attribuita per legge ai datori di lavoro, per tutto il tempo che servirà a uscire dall’emergenza Coronavirus».

Foroni: “Ho chiesto al governo e alla protezione civile di intervenire”

«Dai territori lombardi – ha spiegato l’Assessore Foroni – emergono plurime segnalazioni di datori di lavoro che non consentono ai volontari di Protezione Civile, pur regolarmente attivati, di prestare l’attività o di continuare a prestarla per l’emergenza in corso. Episodi simili, che sono stati segnalati in maniera ripetuta al mio assessorato, stanno già creando un grave danno nella gestione dell’emergenza, e il disservizio sarà tanto più pesante nell’immediato futuro. Per questo motivo ho chiesto al Governo e al Dipartimento centrale d’intervenire prontamente perché si adotti ogni intervento normativo necessario, di tipo primario o secondario, affinché i volontari di Protezione Civile non siano soggetti alla volontà discrezionale dei datori di lavoro».

“Siamo in emergenza, attiviamo misure straordinarie”

Attualmente dal punto di vista normativo, il datore di lavoro è tenuto, ma non obbligato, a consentire al dipendente di svolgere l’attività volontaria nel limite di 30 giorni consecutivi e fino a 90 giorni all’anno.

«In caso di emergenze di rilievo nazionale – ha chiarito Foroni – il Dipartimento della Protezione civile può autorizzare ed estendere, sino alla fine dell’emergenza, tale lasso di tempo per un massimo di 60 giorni continuativi e di 180 complessivi nel corso dell’anno. La nostra richiesta al Commissario straordinario dell’emergenza COVID-19, vista la gravità dell’emergenza in atto, è che anche questa estensione venga attivata».

«Confido che entrambe le richieste – ha infine concluso l’Assessore – vengano accolte velocemente».

 

Foto in apertura: l’Assessore Pietro Foroni (lo scatto è preso dal sito della Regione Lombardia).

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi

Covid-19, Fontana: “Nessuna passeggiata con i figli. In Lombardia vale la mia ordinanza”

"In Lombardia nonostante la circolare del Viminale non cambierà nulla di quello che c'è nella mia ordinanza" a dichiararlo il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. 

Coronavirus, aggiornamento Monza e Brianza. Ecco le comunicazioni dei sindaci

Sono 2.543 (+81) i pazienti positivi al Covid-19 nella provincia di Monza e Brianza.

Aggiornamento Coronavirus: i dati diffusi da Regione Lombardia al 2 aprile

"Il trend migliora, ma va valutato su un arco di 4/5 giorni. Non bisogna comunque abbassare la guardia". Lo ha dichiarato il vicepresidente della Regione Lombardia, Fabrizio Sala.

Coronavirus, spesa e lavoro sicuri nei supermercati: la petizione in Monza e Brianza

A Monza e Brianza è stata lanciata una petizione su Change.org per chiedere che la spesa nei supermercati venga riorganizzata garantendo sicurezza per i clienti e gli addetti al lavoro.

Aggiornamento Covid Monza e Brianza, ecco i dati diffusi dai sindaci

Sono 2.462 (+100) i pazienti positivi al Covid-19 nella provincia di Monza e Brianza. Il numero dei contagi sta registrando un aumento stabile rispetto ai giorni precedenti.