19 Marzo 2019 Segnala una notizia
Un 2018 alla grande con Brianza per il Cuore: ecco perchè partecipare

Un 2018 alla grande con Brianza per il Cuore: ecco perchè partecipare

15 Gennaio 2018

Una delle onlus più attive sul territorio monzese, Brianza per il Cuore si è distinta portando a termine un 2017 pieno di donazioni significative per i cittadini. Tantissimi gli obiettivi per il 2018, tra eventi e nuove donazioni ai mezzi di soccorso. Ecco perchè è importante diventare soci e contribuire sostenendo l’associazione.

LE DONAZIONI PORTANO ALTRE DONAZIONI.

Grazie al sostegno dei soci, la onlus ha potuto attrezzare sempre di più i mezzi di soccorso come le ambulanze e le auto mediche che, negli anni, hanno ricevuto defibrillatori semi-automatici, macchinari per l’elettrocardiogramma e massaggiatori automatici Lucas. Il tutto per garantire un intervento rapido e mirato in caso di malore del cittadino, sfruttando al massimo il tragitto verso l’ospedale.

Mb S. gerardo Manichino Brianza per il cuore

IL LAVORO NELLE SCUOLE.

Con il 2018, tra gli obiettivi di Brianza per il Cuore, c’è quello di partire con la diffusione della cultura della prevenzione cardiovascolare fin dai primi anni di scuola. Tante nuove idee per abituare che serviranno ad insegnare ai bambini le manovre fondamentali per la rianimazione cardio-polmonare, oltre a sottolineare l’importanza di uno stile di vita sano. Da diversi anni a questa parte la onlus è intervenuta nelle scuole del territorio coinvolgendo i ragazzi in attività divertenti ma educative.

disegni-brianza-per-il-cuore-mb-7

MARZO PER IL CUORE.

Un mese intero, quello di marzo, dedicato alla cardioprotezione con due eventi speciali: il coro gospel e il concerto di Fausto Leali.

Il primo di marzo il Coro Gospel si esibirà al teatro Manzoni per raccogliere i fondi e donare alcuni ecocardiografi portatili ai mezzi del 118, in collaborazione con il Rotary Club, un grosso aiuto per la onlus. Gli apparecchi servono per comprendere subito il problema garantendo un intervento tempestivo durante il tragitto in ambulanza.

Il 15 di marzo, sempre al teatro Manzoni, Fausto Leali darà il suo contributo alla causa insieme ad altri artisti con un concerto che servirà a donare un ecocardiografo al reparto di cardiologia dell’Ospedale San Gerardo.

tessera-soci_alta

Tantissimi i progetti e tante le ambizioni che, però, necessitano il sostegno di tutti. Per diventare soci o aiutare l’associazione basta cliccare qui

___________

Per leggere tutte le altre news dell’associazione clicca qui

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Francesca Zonca
Francesca Zonca. Se dovessi riassumere le mie passioni in due parole direi sicuramente lingue straniere e cinema. Studio lingue da quando sono piccola, amo viaggiare ma soprattutto amo riuscire ad entrare in contatto con diverse culture. La comunicazione e l'informazione sono al primo posto per me.


Articoli più letti di oggi

Polizia di Stato, Angelo Re promosso: “Monza e l’azione mi mancheranno”

Sempre in prima linea, in strada con i suoi uomini, “per dare il buon esempio”. Intervista al dottor Angelo Re, promosso al grado di Dirigente Superiore

Busnago, cucciolo attaccato e dilaniato da un cane libero nel pratone

Cucciolo di yorkshire sbranato da un labrador liberatosi dalla presa del guinzaglio in un prato a Busnago: la rabbia del padrone.

Pordenone-Monza 1-1: D’Errico recupera il risultato ma poi spreca

I biancorossi, sotto 1-0, chiudono il primo tempo in parità grazie alla rete di D'Errico. Nel secondo tempo il capitano spreca il rigore del possibile 1-2.

Bancarelle di Monza e Brianza: a Lissone domenica 31 marzo

Appuntamento in via Santuario e in via Luini con orario continuato dalle ore 9,00 alle ore 19,00.

San Gerardo: nuovi percorsi di presa in carico per epatite C e tumori gastro-enterici

Nuovi interessanti prospettive si aprono per i pazienti affetti da epatite C e forme neoplastiche gastro enteriche: due modelli di presa in carico che vedono la collaborazione stretta tra medico ospedaliero e medico di famiglia.