24 Novembre 2020 Segnala una notizia
Brugherio, gli alunni della Leonardo vincono il concorso Bruinverno

Brugherio, gli alunni della Leonardo vincono il concorso Bruinverno

21 Febbraio 2014

Si chiama “Diverso, quindi …colpevole” l’opera pittorica vincente per il concorso BruInverno Memoria e Ricordo, per la categoria Memoria, 2014. A realizzarla sono stati gli alunni della III G della scuola Leonardo da Vinci che lo scorso 15 febbraio sono stati premiati durante il concerto-spettacolo di sabato 15 febbraio presso l’Auditorium civico.

Al concorso promosso dall’assessorato alla Cultura del Comune e dall’associazione Ghigoart, hanno aderito due delle tre scuole secondarie inferiori: la Kennedy del plesso Don Camagni e la Leonardo Da Vinci del plesso De Pisis coinvolgendo un totale di 70 alunni.

L’opera vincitrice è del collettivo formato da Monica Crudo, Alessia Oriani, Federica Calabrese e Andrea Sidoti, dal titolo “Diverso, quindi…colpevole” e il premio è una visita guidata per tutta la classe al Padiglione di Arte Contemporanea di Milano.

Il concerto spettacolo “Diversità come ricchezza” ha visto coinvolti i musicisti della scuola di musica della Fondazione Piseri, il corpo danzante Ilaria Meroni dell’associazione Mutàr e due allievi di origine straniera delle scuole partecipanti al concorso: l’interculturalità è stata infatti il simbolo della diversità come ricchezza.

Le opere dei ragazzi resteranno esposte fino a venerdì 28 febbraio in una apposita mostra allestita presso la Fondazione Piseri in via XXV Aprile 61 che sarà visitabile negli orari di apertura al pubblico della Scuola di Musica. Saranno anche consultabili in una galleria elettronica permanente sul sito dell’associazione GhiriGoArt.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Laura Marinaro
Giornalista dalla punta dei capelli a quella dei piedi. Nella vita di cronista e di comunicatore a 360 gradi ho fatto di tutto. Gli inizi a La Notte, ultimo quotidiano del pomeriggio, e poi i viaggi per il mondo. Il ritorno alla cronaca è stato a Monza dove attualmente faccio base ma per espandermi nel milanese e in Lombardia. Amo indagare soprattutto sui fenomeni di corruzione. Ho pubblicato due libri, uno sui papà separati e uno sulla Corruzione e ora sono impegnata nel sociale con CosaPubblica. Passioni? Oltre il lavoro la mia splendida Martina;)


Articoli più letti di oggi