25 Novembre 2020 Segnala una notizia
A Monza ora c'è il museo del nuoto e della pallanuoto

A Monza ora c’è il museo del nuoto e della pallanuoto

7 Gennaio 2014

Monza non è una città di mare, né di lago. Ma da poche settimane ospita un museo del nuoto e della pallanuoto. Del resto, la passione per le discipline natatorie non manca a giudicare dalle migliaia di praticanti che tutti i giorni, o una volta ogni tanto, affollano le piscine cittadine.

centro-natatorio-melzi-mbIl museo è stato allestito presso il centro sportivo comunale Pia Grande – Bpm Palace, situato in via Murri 37, nel quartiere Sant’Albino. Fa parte del restyling dell’impianto avviato da Sport Management, la società veronese che lo gestisce dal 2011. “Il museo è stato ideato dal professor Sergio Tosi, presidente di Sport Management, che è un grande appassionato di memorabilia – spiega Matteo Melzi, capoarea della stessa società – Ha deciso di portare tutti gli oggetti sparpagliati nei 25 centri natatori del Centronord Italia gestiti da Sport Management al Bpm Palace in considerazione dell’importanza che ha assunto questo impianto per la nostra società. Non a caso la prima squadra di pallanuoto maschile, militante in Serie A2, si è trasferita a giocare da Mantova a Monza. La maggior parte degli oggetti esposti proviene dal centro natatorio Santini di Verona (la casa madre di Sport Management, ndr).

Inoltre per il museo sono stati aggiunti i pezzi provenienti dai Campionati mondiali di Barcellona 2013, quelli riguardanti la stagione in corso del club e le sculture realizzate appositamente dall’artista Massimo Marchiori ri-utilizzando materiali “a tema” come reti, calotte e palloni da gioco e galleggianti della piscina”.

centro-natatorio-museo-pallanuoto-palloni-mbIl museo è ospitato nel corridoio che porta all’area hospitality dal pianerottolo situato tra la segreteria e il bar del centro natatorio ed è visitabile gratuitamente dalle ore 9 alle 21 dal lunedì al venerdì e dalle 9 alle 18 il sabato e la domenica.

Si compone di piccole sezioni che potremmo così riassumere: Olimpiadi di Londra 2012, Olimpiadi precedenti e Mondiali, stagione agonistica 2012/13 della Sport Management, pallanuoto storica italiana, stagione agonistica 2013/14 della Sport Management, pallanuoto storica veronese, calottine storiche, palloni storici, coppe e trofei della Sport Management (è stata vicecampione d’Italia a squadre femminili di nuoto nel 2012 e vicecampione d’Italia ai campionati primaverili femminili 2013 di nuoto, ma anche a livello maschile è ai vertici grazie soprattutto all’ex campione del mondo e d’Europa nei 100 metri stile libero Filippo Magnini). Il tutto è corredato da foto e ritagli di giornali e, appunto, dalle opere d’arte di Marchiori.

centro-natatorio-museo-pallanuoto-calottine-mbTra i pezzi esposti segnaliamo quelli a nostro avviso più interessanti e curiosi: un ventaglio delle Olimpiadi di Tokyo 1964, i costumi degli anni ’60 e ’70, la calottina utilizzata dai componenti la Nazionale italiana di pallanuoto campione d’Europa 1993 a Sheffield, la calottina dell’ex capitano del Settebello (come è soprannominata la Nazionale maschile) Alberto Angelini, i palloni degli anni ’70 e una fotografia storica di una partita di pallanuoto giocata nel fiume Adige. Come certi registi amano apparire brevemente nei film da loro diretti, anche Tosi ha il suo cameo: i più bravi potranno riconoscerlo in una fotografia scattata nel 1974 in occasione di un torneo cittadino veronese di pallanuoto; l’attuale presidente della Sport Management giocava da portiere.

“Il museo – sottolinea Melzi – verrà integrato nei prossimi mesi con memorabilia della pallanuoto brianzola grazie alla collaborazione col Nuoto club Monza”.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Camillo Chiarino
Monzese da sempre, ma frequento assiduamente la Brianza perché amo la quiete e la natura. In particolare adoro la Valsesia, la terra dei miei antenati paterni. Giornalista professionista "tuttologo", mi piace scrivere in particolare di politica e sport. Sono tifoso di tutte le squadre cittadine di qualsiasi disciplina e seguo da vicino le partite del Monza 1912, della Vero Volley Monza e della Saugella Monza. A proposito di pallavolo, l’ho praticata per 17 anni in società della zona, ma quando capita non mi tiro indietro a giocare a nulla, soprattutto se l’invito arriva da una esponente del gentil sesso… Mi piace molto navigare in internet, visitare mostre e monumenti e assistere a concerti, in particolare di musica folk e celtica.


Commenti

  1. L’IMPIANTO NON E’ VOSTRO, E’ COMUNALE !!!!!!!!!! VE NE SIETE APPROPRIATI, MALEDETTI !!! MA IL COMUNE NON FA NULLA? STA LI A GUARDARE?

  2. immagino che code per sta roba !

  3. E chi vuole vedere i figli durante i corsi di nuoto si deve accalcare in pochi metri quadri. Grande idea

    • Da un po’ mi sono fatto l’idea che tutte queste cose sono una sorta di “mobbing” per togliere di torno la gente comune, gli utenti abituali. Un modo come per dire “adesso questo impianto è nostro, ci date fastidio”. Così come i soldi spesi per i seggiolini e il megaschermo, ma non per sistemare gli spogliatoi e le docce, Così come il fatto che il nuoto libero nei weekend venga regolarmente di fatto limitato al sabato mattina (e nemmeno con tutta la piscina a disposizione). A questo punto mi viene anche il dubbio che i casi di furti dagli armadietti siano stati inscenati per allontanare la gente dall’impianto… impossibile che i ladri fossero in grado di agire indisturbati in quel modo. Come si suol dire… a pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca.

Articoli più letti di oggi