16 Giugno 2021 Segnala una notizia
Pedemontana: tempi certi o si rischia un disastro per Vimercate

Pedemontana: tempi certi o si rischia un disastro per Vimercate

25 Settembre 2013

“Dobbiamo fermarci e ripensare profondamente un’opera che ad oggi non ha tempi certi, oltre a non avere una copertura finanziaria garantita a causa della crisi”. Le parole sono di Corrado Boccoli, vicesindaco di Vimercate e assessore all’Urbanistica.

Il soggetto è la nuova autostrada Pedemontana, che da Varese dovrebbe raggiungere Bergamo, passando per tutta la Brianza e ovviamente anche da Vimercate. Attualmente l’unica tratta in dirittura d’arrivo è la A da Cassano Magnago a Lomazzo. Per le successive tratte, tra cui la C da Desio e Vimercate e la D da Vimercate a Dalmine le certezze sono pochissime, a partire dalla copertura finanziaria.

boccoli-corrado-mb“Come previsto dalla legge obiettivo, i due terzi dell’opera dovrebbero essere finanziati dai privati – afferma il vicesindaco Boccoli – ad oggi però la crisi ha bloccato gli investitori non più disposti a rischiare cifre ingenti anche a causa della previsioni in calo, per quanto riguardo il flusso di traffico previsto sulla nuova arteria. Vogliamo rischiare di aprire un cantiere che si protrarrà per molti anni deturpando il nostro territorio? Credo che prima ci si debba fermare e ragionare su cosa sarà realmente fattibile e soprattutto ripensare allo sviluppo delle infrastrutture come metropolitana e treno che potrebbero dare benefici viabilistici e ambientali allo stesso tempo, con spese minori”.

I rischi sono che la nuova autostrada si possa fermare a Vimercate riversando un traffico ingente sulla già congestionata tangenziale Est. Altro rischio è che le opere di compensazione ambientale previste su tutto il territorio circostante la Pedemontana non vengano realizzate per mancanza di denaro. Un problema molto simile si è verificato ad Agrate con la costruzione della Teem: era stata vincolata al prolungamento della metropolitana fino a Vimercate, ma ad oggi l’unica certezza è rimasta la nuova tangenziale esterna.

“Dobbiamo ripensare l’opera e capire cosa possiamo realizzare oggi in questo momento di crisi – continua Boccoli – il nostro territorio non può essere sventrato senza avere delle certezze su cosa verrà realizzato: abbiamo già ipotizzato dei possibili insediamenti produttivi lungo l’autostrada dando la possibilità a nuova aziende di insediarsi sul territorio. Ma se non abbiamo certezze in tempi brevi le aziende scapperanno, magari in Canton Ticino, dove gli investimenti sono certi come la realizzazione delle infrastrutture”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Commenti

  1. la realizzazione della metropolitana è fondamentale. In un paese serio e civile, i politici incapaci che in 20anni non sono stati capaci di realizzare l’opera sarebbero presi a calci in cu lo fino al consumarsi delle scarpe. Ma siamo in Italia e gli stessi politici ora vogliono realizzare una nuova autostrada. Io sono un cittadino e non un suddito. Caro Stato prima che tu mi venga a chiedere come spendo i MIEI soldi (leggi redditometro) sei tu che mi devi spiegare come spendi i miei!

Articoli più letti di oggi