Cronaca

Spacciatore tenta la fuga nei campi: arrestato dai Carabinieri

Il continuo via vai di macchine nella zona industriale di Roncello, non era passato inosservato agli operai delle locali aziende. Clienti in cerca di droga da acquistare da quel pusher che aveva scelto il vicino boschetto quale suo quartier generale dello spaccio.

roncello arresto droga
Droga e soldi sequestrati

Il continuo via vai di macchine nella zona industriale di Roncello, non era passato inosservato agli operai delle locali aziende. Clienti in cerca di droga da acquistare da quel pusher che aveva scelto il vicino boschetto quale suo quartier generale dello spaccio. Così, dopo diverse segnalazioni giunte ai Carabinieri di Vimercate, gli uomini dell’Arma si sono appostati in borghese per studiare la situazione.

Nonostante il caldo torrido pomeridiano, dopo ore, i militari hanno notato un ragazzo in bicicletta raggiunto da un furgoncino e, avvicinatosi al finestrino del conducente, lo scambio di mezzo grammo di cocaina per 50 euro. Mentre la pattuglia appostata fuori dal boschetto fermava l’acquirente, italiano 36enne, gli altri militari si sono avvicinati con un’autovettura “civetta” e il pusher, un ragazzo di origine nord africana, alla loro vista ha scaraventato la bici a terra per poi darsi alla fuga tra i campi. I due carabinieri prontamente lo hanno inseguito ed in poche centinaia di metri lo hanno raggiunto e bloccato, trovandolo in possesso di altre cinque palline di cocaina, per un peso di 4 grammi, nonché la somma contante di circa 500 euro ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio.

Portati entrambi presso la caserma dei Carabinieri di Bellusco, l’acquirente è stato segnalato alla Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti, mentre il pusher dichiarato in stato di arresto. Dopo aver trascorso una notte nelle camere di sicurezza, l’indomani mattina è stato accompagnato presso le aule del Tribunale del capoluogo brianzolo per essere giudicato con il rito direttissimo, conclusosi con la convalida dell’arresto e rimesso in libertà con il divieto di dimora nella regione Lombardia.

commenta