Cronaca

Monza, scoppia la protesta in carcere: “Vi ammazziamo tutti, qui comandiamo noi”

Alle ore 15 circa i detenuti di una sezione del padiglione destro, si sarebbero rifiutati di rientrare in camera, colpendo più volte il cancello d’ingresso della sezione, tanto da romperlo, posizionandosi davanti per bloccare l’ingresso al personale e gli operatori all’interno della sezione detentiva. A raccontare quanto accaduto è il sindacato Osapp. 

carcere free web
Carcere di Monza

Monza. “Vi ammazziamo tutti, qui comandiamo noi”: accesa protesta dentro il carcere di Monza ieri, 11 agosto. Alle ore 15 circa i detenuti di una sezione del padiglione destro, si sarebbero rifiutati di rientrare in camera, colpendo più volte il cancello d’ingresso della sezione, tanto da romperlo, posizionandosi davanti per bloccare l’ingresso al personale e gli operatori all’interno della sezione detentiva. A raccontare quanto accaduto è il sindacato Osapp. 

“Giunta sul posto l’ispettore di sorveglianza generale ed il coordinatore di reparto i detenuti hanno inveito, urlato e minacciato il personale presente. Nonostante si è cercati di portare alla calma i ristretti gli stessi hanno continuato negli intenti sovversivi e di protesta. I detenuti hanno preteso di parlare subito con il comandante ed il direttore, avvertendo con toni aggressivi che in caso contrario avrebbero spaccato tutto, nel mentre, le minacce di morte al personale presente in loco, con frasi del tipo: “vi ammazziamo tutti, qui comandiamo noi””  si legge nella nota del sindacato.

Dopo una lunga ed impegnativa trattativa svolta dal personale di sezione ed un sottufficiale, una delegazione composta da una quindicina di detenuti è stata convocata in una stanza polivalente dal dirigente d’istituto. I detenuti dopo aver esposto i motivi della protesta, ovvero la poca presenza sanitaria ed educatori, circa due ore dopo, sono rientrati nelle celle.

“Nel contempo in una sezione, dal lato opposto, un gruppo di detenuti ha cominciato a litigare tra loro, sempre nelle stesse ore una ulteriore lite in altra sezione tra altri detenuti. Ennesima giornata di follia al Carcere di Monza, che solo grazie alla grande professionalità e esperienza la polizia Penitenziaria ha evitato il peggio. Degno di nota che un’aliquota di personale è rimasta in servizio ben 12 ore. L’O.S.A.P.P. Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria chiede l’immediato allontanamento dei detenuti rivoltosi. Segnala che tenere possibili cospiratori in quei reparti, possa causare un serissimo rischio di ulteriori proteste nel breve futuro” conclude la nota.

Più informazioni
commenta