Cronaca

Si barrica in casa e appicca il fuoco: “Voglio uccidere tutti”. 20 famiglie evacuate

All'arrivo dei militari il giovane, barricato in casa, gridava di aver dato alle fiamme con la benzina l'appartamento e di "voler uccidere tutti".

carabinieri incendio

Voglio uccidere tutti“: cosparge l’appartamento di benzina e vi si barrica dentro. I Carabinieri evitano il peggio. Dovrà rispondere delle accuse di incendio, violenza e resistenza a pubblico ufficiale un 33enne, cittadino di origine albanese ma residente a Macherio, arrestato in flagranza di reato dagli uomini dell’Arma di Biassono. L’allarme è scattato ieri alle ore 12, quando i residenti del condomino, dopo aver sentito un forte odore di bruciato, hanno immediatamente allertato la Centrale Operativa della Compagnia di Monza.

APPARTAMENTO DISTRUTTO DALLE FIAMME, DUE CARABINIERI IN OSPEDALE

All’arrivo dei militari l’uomo, già noto alle Forze dell’Ordine, si è barricato in casa gridando di aver dato alle fiamme con la benzina l’appartamento e di “voler uccidere tutti”. Una situazione che poteva degenerare in poco tempo: i carabinieri, dopo essere stati aggrediti con calci e pugni dal 33enne, sono riusciti a bloccarlo. Poi, senza pensarci due vote, hanno usato gli estintori del palazzo spegnendo l’incendio prima che si propagasse alle altre abitazioni. 20 famiglie sono state evacuate.

Poco dopo i Vigili del Fuoco di Monza hanno domato definitivamente le fiamme che avevano distrutto completamente l’appartamento.  Ora sono in corso le indagini per capire le cause che lo avrebbero spinto ad agire. L‘abitazione è stata sottoposta a sequestro e due carabinieri sono stati  trasportati all’ospedale San Gerardo di Monza a causa dei fumi respirati.
L’Autorità Giudiziaria, nel corso del rito per direttissima, ha convalidato l’arresto ed applicato la custodia cautelare in carcere.

Più informazioni
commenta