Ultime notizie

Draghi da Matarella: “A volte anche il cuore dei banchieri centrali viene usato”

"Vado al Quirinale per comunicare le mie determinazioni", queste le parole del Premier Mario Draghi alla Camera.

Mario Draghi
Mario Draghi

Certe volte anche il cuore dei banchieri centrali viene usato. Alla luce del voto espresso ieri sera dal Senato chiedo di sospendere la seduta per recarmi dal presidente della Repubblica per comunicare le mie determinazioni”, queste le parole del Premier Mario Draghi alla Camera. La seduta riprenderà alle 12 di oggi, 21 luglio. Sembrano dunque ormai certe le sue dimissioni a Mattarella.
Sono ore di fuoco per il Governo Draghi. Si è svolta ieri quella che molti giornali hanno definito come “la giornata più lunga” per il Presidente del Consiglio che ha ottenuto dopo una lunga giornata fatta di consultazioni, tensioni e tentativi di risoluzione, la fiducia del Senato, ma in un voto a cui non hanno preso parte il centrodestra e il Movimento 5 Stelle, che hanno di fatto ritirato il sostegno al Governo.
Il voto era stato deciso dopo la crisi politica innescata la scorsa settimana dai pentastellati di Giuseppe Conte. Ad aggravare la situazione sono stati Lega e Forza Italia che hanno deciso di uscire dalla maggioranza in seguito al duro discorso di Draghi di questa mattina. Una scelta non pacifica e addirittura mal digerita da un pezzo del centrodestra: la ministra Gelmini, ad esempio, storico volto di Forza Italia ha annunciato con una nota stampa di voler uscire dal partito.
Ora Draghi è al Quirinale per un colloquio con il presidente Sergio Mattarella.
Più informazioni
commenta