Politica

Emergenza ambientale, LabMonza pronta a presentare una mozione in consiglio comunale

E lancia un appello a cittadini e associazioni: “incontriamoci e discutiamone in un’assemblea pubblica”.

Generico luglio 2022
I consiglieri comunali Francesco Racioppi e Lorenzo Spedo insieme all’assessora alla cultura Arianna Bettin

Monza. LabMonza lancia un appello alla cittadinanza e alle realtà ambientaliste del territorio per presentare una mozione sull’emergenza climatica in Consiglio Comunale. Ad annunciarlo nella giornata di oggi è il progetto civico della sinistra monzese che alle ultime elezioni ha sostenuto l’attuale sindaco Pilotto e siede quindi in giunta e consiglio comunale. Un primo atto politico quello di LabMonza che mira alla discontinuità tra l’attuale amministrazione e quella precedente, che negli scorsi anni è stata interpellata più volte dai movimenti ecologisti monzesi per ottenere la DECA, la Dichiarazione dell’Emergenza Climatica e Ambientale, senza che questa andasse a buon fine.

Primo step chiamare a raccolta cittadini e ambientalisti: lo farà con un’assemblea pubblica il 24 luglio, ore 21.00, in via Orsini 4.

La battaglia per la DECA, anche in Brianza

A Monza si torna a parlare di DECA, la Dichiarazione dell’Emergenza Climatica e Ambientale. A far conoscere questa dichiarazione ai monzesi con una lunga stagione di scioperi e puntali richieste furono gli attivisti di Fridays For Future Monza, il movimento ambientalista divenuto celebre per le sue battaglie contro il cambiamento climatico. I giovani attivisti nel 2019 iniziarono una serie di interlocuzioni con gli amministratori locali proponendo loro di dichiarare nei nostri territori l’emergenza climatica, cioè di riconoscere la gravità degli effetti ambientali e socio-economici determinati dal riscaldamento globale e reagire nell’immediato, innanzitutto riducendo a zero le emissioni nette di gas serra nel più breve tempo possibile e pianificando con priorità le opere di adattamento. Alcuni comuni della Brianza risposero all’appello (ne avevamo parlato qui), ma non la città capoluogo.

LabMonza: “Monza è impreparata: tanto c’è da fare”

A tornare sul tema in queste ore è LabMonza, il progetto civico della sinistra monzese caratterizzato da un’alta presenza di giovani e di ambientalisti.

“Gli eventi delle ultime settimane ci confermano, ancora una volta, l’esistenza di un’emergenza che non possiamo più ignorare, ma che siamo chiamati ad affrontare con grande coraggio e senso di responsabilità – spiegano gli attivisti di LabMonza. – L’allarmante siccità e l’innalzamento delle temperature che stiamo registrando in queste settimane sono i segnali tangibili della tragica attualità della crisi climatica; ci fanno comprendere nel concreto e nella quotidianità che questo non sia un problema distante nello spazio o nel tempo: al contrario, questo ci tocca molto da vicino”.

“Di fronte agli effetti sempre più preoccupanti del cambiamento climatico sul nostro territorio, Monza si trova impreparata. Sono a testimonianza di ciò gli allarmanti livelli di polveri sottili nell’aria, dettati da un forte problema di gestione della mobilità, e l’insostenibile percentuale di consumo di suolo. I problemi ambientali di cui facciamo esperienza anche a Monza, nella nostra dimensione urbana, sono il riflesso di una mentalità plasmata dalla cieca ricerca del profitto, che non considera le necessità e il benessere della comunità, che anzi ne mette a repentaglio la sicurezza ambientale e alimentare, ossia la nostra stessa sussistenza”.

“Rimane molto da fare per rendere Monza sostenibile: secondo il 28esimo report di Legambiente, la nostra città viene posizionata al 93esimo posto su 105 capoluoghi quanto a sostenibilità, una posizione per nulla virtuosa. LabMonza intende dare impulso ai lavori della nuova amministrazione al fine d’imboccare rapidamente la strada della transizione ecologica. Impulso di cui questa mozione e la Dichiarazione dell’Emergenza Climatica e Ambientale (DECA) vuole essere il primo atto”.

LabMonza ha organizzato per la prossima domenica 24 luglio una serata aperta a tutti per capire i prossimi passi. Obiettivo è che la battaglia approdi presto in consiglio comunale, anche grazie ad una mozione portata in aula dai suoi rappresentanti. Oggi tre membri di LabMonza siedono in maggioranza: si tratta dei consiglieri comunali Francesco Racioppi e Lorenzo Spedo e dell’assessora alla cultura Arianna Bettin (in foto in apertura).

 

 

leggi anche
Lab Monza lista
Elezioni 2022
Monza, elezioni. Giovane e ambientalista: ecco la lista di LabMonza
commenta