Salute

In 17mila senza medico in Brianza. Ad Arcore “situazione critica”

Dalle strategie d'emergenza alle prospettive di lungo periodo, per salvare la medicina generale

Generico luglio 2022
La conferenza stampa in Ats Brianza

Sono oltre 17mila i pazienti che non hanno un medico di medicina generale sul territorio. Lo hanno spiegato in conferenza stampa oggi, 11 luglio, i vertici di Ats Brianza e quelli di Asst Brianza. E la cifra potrebbe salire a ritmo vertiginoso fino a 41mila entro il 31 dicembre, se non subentrassero nuovi presidi del servizio di continuità assistenziale che Ats sta allestendo per tamponare la situazione.

CONTINUITA’ ASSISTENZIALE

Dal 4 luglio ne sono stati attivati 8 che sopperiscono al cessato servizio di 14 professionisti in 8 comuni diversi. A spiegare le modalità operative è stata Claudia Toso, direttore Uoc Gesione sanitaria delle convenzioni Ats Brianza. La responsabile non ha esitato a definire “decisamente critica” la situazione ad Arcore dove quasi 5mila persone si sono trovate senza il medico di base per la dipartita di tre professionisti quasi in contemporanea. Di sabato scorso la manifestazione del Pd sulla delicata questione. In quel caso, il servizio di guardia medica è stato attivato in uno spazio messo a disposizione dal Comune.
Ad Arcore, così come negli altri casi, di fatto chi prima aveva un medico di famiglia ora può rivolgersi alla guardia medica diurna che ha orari diversi (a seconda dell’ambulatorio) e che vede all’opera medici differenti a rotazione.

CORSISTI IN AMBULATORIO

Il problema è tutt’altro che episodico, conferma il direttore generale di Ats Brianza Carmelo Scarcella, “è una difficoltà cui assistiamo da 4-5 anni e non solo in Brianza. Al momento, dei 578 medici necessari sul territorio per i cittadini over 14, ce ne sono solo 455. Con gli incaricati in via provvisoria arriviamo a 509”. La situazione è diventata drammatica da luglio dello scorso anno, quando a Brugherio, per la prima volta, è stato attivato il servizio di continuità assistenziale per uno scoperto di 7mila persone.
Altro provvedimento preso è stato dare la facoltà di alzare il tetto massimo dei pazienti per medico dai 1500 ordinari fino a 2mila. Il dottore di turno può accettare o no. In 121 hanno detto “sì”, assorbendo circa 30mila brianzoli, ma è chiaro che si tratta di una soluzione d’emergenza. Tanto più in tempi di covid.
Ultimo provvedimento preso: dare facoltà di esercitare la professione, con 800 pazienti al massimo, ai corsisti del corso triennale specifico, a titolo di tirocinio, su iniziativa del Dipartimento Cure Primarie con il Polo Formativo MMG di Ats Brianza.

L’ORIGINE DEL PROBLEMA

Alla base del problema c’è una mancanza di professionisti sulla piazza. La “pletora” dei laureati nei primi anni ’80 sta andando in pensione ma quel boom di iscrizioni universitarie non c’è più stato e in più ci si mettono il numero chiuso per l’accesso ai corsi di formazione e un budget di spesa ministeriale per le borse di studio delle specializzazioni che non può espandersi troppo.
Infine, ha sottolineato il direttore generale Asst Marco Trivelli, “c’è chi sceglie l’estero perchè più remunerativo. In Inghilterra i medici di medicina generale guadagnano 10mila euro e hanno a disposizione l’ambulatorio”. In Italia lo stipendio lordo è di circa 5mila euro, più le spese.

SOLUZIONI STRUTTURALI

Per una soluzione strutturale ai problemi si guarda all’incremento dei corsi di formazione e alla nuova riforma che dirotta su Asst le competenze operative nelle cure primarie da gennaio 2023. Ma anche alla pratica della medicina di gruppo perché, ha sottolineato il direttore Scarcella, “il fatto di aggregarsi tra professionisti consente di attivare pratiche che supportano l’attività”, come la segreteria. Un ruolo importante, circoscritto ad alcuni servizi, lo si immagina infine per gli infermieri di famiglia. Attualmente ne sono stati reclutati 45 sul territorio, impiegati soprattutto a Giussano e Vimercate per i vaccini presso le due Case di comunità attivate.

leggi anche
dottore-medico-ospedale-freeweb-1
Pazienti
Brugherio, pazienti senza medico di base: due importanti aggiornamenti
Ambulatorio arcore
Medicina generale
Guardia medica ad Arcore: il sindaco bacchetta Ats sui ritardi
commenta