Mountain bike

A Briosco Riva, Bonacina e Brambilla campioni provinciali

Tre maglie di campione provinciale e vittoria di Alberto Riva nel GP Città di Briosco; Andrea Artusi al rientro dopo un periodo di stacco protagonista in salita e sulla distanza.

pavan-free-bike-artusi

Sovico. E’ iniziato bene il mese di luglio di Pavan Free Bike, il mese più importante nel calendario del club brianzolo che culminerà con il Campionato Italiano, il 23 e 24 in Alto Adige. Ci si prepara ad affrontare con grande determinazione il campionato nazionale, un evento che da sempre merita impegno e rispetto, nel frattempo è iniziata la marcia di avvicinamento a quello che indubbiamente è uno di quegli appuntamenti che fin dall’inizio della stagione si aspettano con trepidazione.

Due gli impegni del week end per gli amatori di Pavan Free Bike, il primo sui sentieri di Briosco e Capriano, nella valle del Lambro, nel GP Città di Briosco che ha assegnato le maglie di Campione Provinciale Monza Brianza, finiti in tre occasioni nella collezione di Alberto Riva (Master 3), Maurizio Brambilla (Master 5) e Paola Bonacina (Master Woman 3).

Alberto Riva è stato il vincitore assoluto della seconda gara di giornata a conclusione dei cinque giri del tracciato di poco meno di 5 Km. La gara è servita al biker alessandrino per fare ritmo, abituarsi al caldo e capire alcuni punti deboli da curare nelle prossime settimane.

Non è arrivata la vittoria per Maurizio Brambilla e Paola Bonacina, ma il secondo posto di giornata ha garantito loro i titoli provinciali, come migliori atleti brianzoli delle categorie Master 5 e Woman 3.

pavan-free-bike-briosco

La biker bergamasca, nel 2020 Campionessa Italiana W3 e nel 2017 Campionessa Regionale W2, è riuscita nell’impresa di completare la collezione di maglie e ha condiviso con il veterano di Verderio Inferiore la grande gioia per la corona provinciale.

Podio nella categoria Master 1 per Andrea Paleari, terzo e ottimo quarto posto di Carlo Bruzzone nei Master 3.

All’insegna della varietà le ultime due domeniche di Andrea Artusi che è tornato in sella dopo un periodo di stacco per affrontare due manifestazioni tanto diverse, quanto vantaggiose per i prossimi obiettivi.

Dopo due anni di stop forzato è tornata la Introbio-Biandino, gara di corsa e mountain bike sulla lunghezza di 8,2 Km per 960 metri di dislivello che da Introbio sale alla Bocca di Biandino, conclusa con un’ottima performance dal 49enne di Pasturo che ha fatto segnare con 43′ 12″ il sesto crono nella mountain bike, precedendo di 1′ 10″ il compagno di squadra Giuseppe Mascheri, settimo al traguardo posto al Rifugio Tavecchia.

Annullata per pioggia intensa dopo la partenza, la Piccola Granfondo Città di Brenna si è presa la rivincita sul quel settembre 2021, riproponendo nella caldissima prima domenica di luglio la sua distanza di 54 Km su un tracciato tecnico con un anello di 18 Km da affrontare tre volte. Cross Country e Granfondo sono tutta un’altra cosa, ma anche in questa occasione Andrea Artusi ha concluso con un ottimo risultato, classificandosi 12. assoluto e quarto di categoria, rimanendo fuori dal podio per soli 24 secondi.

“Non sono abituato alla distanza e sinceramente ho fatto veramente fatica anche per il gran caldo. Amo il cross country e prediligo gare più corte e intense che solitamente durano meno di un’ora e mezza, questa l’ho conclusa in 2 ore 30′. Considerando che non era una gara adatta a me, con poca salita e tanta pianura, posso essere soddisfatto e comunque ho chiuso abbastanza bene con un quarto posto. Tutto sommato sono contento, è stata un’ottima possibilità per diversificare l’allenamento”, ha detto il biker di Pasturo.

commenta