Sensibilizzazione

Non raccogli gli escrementi di Fido? Niente sconti: fino a 300 euro di multa, ecco dove

Pugno duro contro chi non raccoglie le deiezioni canine. Il Comune di Giussano non transige e, oltre a ricordare a tutti che si tratta di un gesto di civiltà (sembrerebbe scontato ma purtroppo non è così ndr) si rischia anche una multa fino a 300 euro.

cane guinzaglio freeweb

Giussano. Pugno duro contro chi non raccoglie le deiezioni canine. Il Comune di Giussano non transige e, oltre a ricordare a tutti che si tratta di un gesto di civiltà (sembrerebbe scontato ma purtroppo non è così ndr) si rischia anche una multa fino a 300 euro. Perchè ormai di calpestare i “ricordini” canini ne hanno un po’ tutti “piene le scarpe” (e non solo in senso metaforico). “La raccolta delle deiezioni canine è un gesto di civiltà, prima ancora che un obbligo previsto nel Regolamento Comunale per la gestione dei rifiuti urbani. Alla residua minoranza di proprietari di cani che ancor oggi non raccolgono gli escrementi, ricordo che un comportamento simile denota mancanza di rispetto e di responsabilità verso il prossimo, deturpando parchi e giardini dove quotidianamente si ritrovano centinaia di bambine e bambini” ha dichiarato Giacomo Crippa, assessore del Comune di Giussano con delega all’Ambiente.

Crippa, oltre a rilanciare la campagna di sensibilizzazione per la raccolta delle deiezioni canine, che già oggi è presente con locandine e adesivi in numerosi esercizi commerciali del territorio,  in concomitanza col periodo estivo, e per evitare un incremento di segnalazioni su un argomento sempre particolarmente sentito dalla cittadinanza, ha ricordato che in caso di mancata raccolta sono previste sanzioni da 25 a 300 euro secondo il Regolamento Comunale per la gestione dei rifiuti urbani.

“Il rispetto della nostra Città assume ancor più valenza alla luce dell’impegno che la maggior parte dei proprietari degli amici a quattro zampe dimostra quotidianamente, portando con sé tutto il necessario per la raccolta delle deiezioni – aggiunge l’assessore Crippa – Prima ancora dei controlli, il mio appello è ad avere a cuore la nostra Giussano. Sporcare un giardino o un parco, significa togliere gioia a chi lo frequenterà per divertirsi. Imbrattare un marciapiede, significa rovinare una passeggiata o una corsa. Tutto questo, oggi, non è più accettabile”.

commenta