Quantcast
Sicurezza stradale: in città nuovi impianti per le infrazioni semaforiche - MBNews
Brugherio

Sicurezza stradale: in città nuovi impianti per le infrazioni semaforiche

Verranno installati a Brugherio quattro nuovi impianti di rilevazione delle infrazioni semaforiche e dieci dissuasori di velocità

semaforo-lavori-mb

Brugherio. Verranno installati a Brugherio quattro nuovi impianti di rilevazione delle infrazioni semaforiche e dieci dissuasori di velocità. Garantire la sicurezza dei cittadini, compresa quella stradale, è uno dei compiti più importanti per un’Amministrazione comunale.

Nell’ambito stradale, le azioni finalizzate alla sicurezza riguardano la prevenzione, la manutenzione delle strade, il rifacimento della segnaletica orizzontale e la posa di quella verticale. Si fa sicurezza anche utilizzando le nuove tecnologie messe a disposizione in questo campo, che possono sostituire impianti magari ancora funzionanti, ma ormai obsoleti dal punto di vista tecnologico.

Negli ultimi tempi sono stati rimossi venti impianti di rilevazione delle infrazioni semaforiche, presenti da almeno venti anni in cinque intersezioni della città (via Volturno / via Quarto, via Volturno / via King, via Marsala / via Kennedy, via Filzi / via Dante, via De Gasperi / via Galvani), e si è valutato di collocare quattro nuovi e più accurati impianti di rilevazione delle infrazioni semaforiche in due sole intersezioni.
Tenuto conto dei dati sul flusso della circolazione e di quelli relativi alla incidentalità, si è quindi stabilito di posizionare questi nuovi sistemi: su entrambe le direzioni della intersezione di via Quarto con la via Volturno e la via Dorderio; su entrambe le direzioni della intersezione di via San Maurizio al Lambro, con la via San Carlo e la via Torrazza.

I sistemi di rilevamento che verranno installati sono denominati P@RVC 2.0, e sono i nuovi modelli che hanno commercialmente sostituito la precedente versione tuttora installata in viale Lombardia.
Poiché nelle due intersezioni individuate non ci sono lanterne semaforiche dedicate alle singole corsie, i sistemi rileveranno unicamente il passaggio con il semaforo rosso (comma 3 dell’articolo 146 del codice della strada) ed il mancato rispetto della linea di arresto solo una volta scattato il semaforo rosso (comma 2 dell’articolo 146 del codice della strada), come documentazione per la successiva eventuale validazione e sanzionamento da parte della Polizia Locale.
Saranno mantenuti invariati gli attuali tempi dei cicli semaforici e – anche se non imposto dalla normativa – sarà posizionata apposita segnaletica, sia prima del rilevatore che in corrispondenza dello stesso.
I lavori di posa, collaudo e prova dei sistemi sono iniziati in questi giorni; farà seguito una fase di pre-esercizio senza emissione di sanzioni, mentre l’avvio della fase di esercizio degli impianti e conseguente inizio della fase sanzionatoria è fissato per lunedì 4 luglio.

Sempre in tema di sicurezza stradale, tenuto conto dei dati dei dati sul flusso della circolazione, di quelli relativi alla incidentalità e sulla base delle istanze pervenute dai cittadini, nei prossimi mesi verranno posizionati dieci dissuasori di velocità, costituiti da box metallici di colore arancione, idonei ad ospitare sistemi elettronici di rilevamento della velocità veicolare, per il controllo del rispetto del limite di velocità di 50 Km/h nei centri abitati.
I box dissuasori, che si aggiungono a quello già presente ma non ancora attivo in via dei Mille, verranno posizionati in via San Maurizio al Lambro, via Adda, via Monza, via Quarto, via Moro, viale Europa, via San Giovanni Bosco, via Santa Clotilde, via Comolli e via Lodigiana. Anche in questo caso le postazioni, facilmente identificabili per colore ed insegne, verranno presegnalate da apposita cartellonistica.
La data di effettivo avvio della fase sanzionatoria sarà successivamente comunicata per tempo, una volta completate le operazioni di posa dei box dissuasori.

“Va evidenziato che, poiché l’obiettivo è quello di fare deterrenza rispetto alla velocità delle auto sulle strade cittadine, a fronte degli undici box dissuasori la Polizia Locale impiegherà a rotazione l’unico rilevatore di velocità di cui è dotata, quindi solo un box alla volta sarà impiegato per sanzionare” spiega l’amministrazione comunale.

commenta