Ambiente

Parco urbano al Molinello? A Cesano è duello tra i candidati Bocca (Pd-civici) e Bosio (Lega-Fdi)

Botta e risposta sulla proposta del dem Bocca per un giardino in via Etna intitolato a don Luciano Ruggeri. Bosio attacca: "Sinistra usa il verde in modo strumentale mentre fa strage di pini secolari con la ciclopedonale".

Generico maggio 2022
Candidati sindaco: Gianpiero Bocca (a sinistra) e Luca Bosio (a destra)

Cesano Maderno. Tra i temi più divisivi della campagna elettorale per le elezioni amministrative del 12 giugno, spicca, ancora una volta, l’ambiente. La città, 40mila abitanti e un’alta densità di popolazione, s’interroga sulla creazione di polmoni verdi nei quartieri anche in prospettiva del futuro passaggio dell‘autostrada Pedemontana con decine di sindaci della Brianza in rivolta.

Le coalizioni si dicono d’accordo sulla necessità di una Cesano “più verde” ma le ricette sul come garantirlo divergono. E infiammano la corsa verso palazzo Arese Jacini. Gianpiero Bocca, candidato del centro-sinistra, propone la creazione di un parco urbano nel quartiere Molinello tra le vie Etna e Monte Generoso al posto del piazzale adibito a mercato. “Sarà realizzato, anche con il contributo di idee dei residenti, un parco urbano verde attrezzato”, dice Bocca che sull’eventuale intitolazione non ha dubbi: “A don Luciano Ruggeri, figura straordinaria e amata”.

Palazzo-Arese-Borromeo-Cesano-Mademo-Mb

Non si fa attendere la replica di Luca Bosio, candidato indipendente di centro-destra sostenuto da Lega e Fratelli d’Italia. Bosio si dice d’accordo sull’omaggio alla figura del parroco emerito del Molinella morto lo scorso gennaio. “Don Luciano è stato il riferimento spirituale di molte persone”, dice l’avvocato. Ma aggiunge: “Sono d’accordo quando si parla di verde, noto però che l’attenzione arrivi solo in campagna elettorale. Mi sorprende che la proposta di Bocca giunga insieme all’ultimazione del tratto di pista ciclopedonale di via San Carlo. Per la realizzazione, costata 1milione di euro, sono stati sradicati 3 pini secolari senza alcun intervento di riforestazione urbana”.

STOP AI SONDAGGI

“Per ora nell’operato del centrosinistra vedo solo più cemento, più traffico, più inquinamento e meno verde. Noi vogliamo invertire questa tendenza”, chiosa Bosio. “Numerosi interventi su aree verdi sono stati fatti in questi anni, e io ho centrato il programma su persone e ambiente. Mentre Bosio commenta le mie idee, io continuo nel mio lavoro di raccontare la Cesano del futuro”, replica Bocca.

Sul tema la redazione ha contattato anche il candidato di Forza Italia, Michele Santoro, ed è in attesa di risposta. Da oggi intanto scatta il divieto per legge di pubblicare sondaggi pre-elettorali. I seggi resteranno aperti domenica 12 giugno, dalle 7 alle 23.

commenta