Quantcast
Il Monza sfiderà il Pisa per la serie A, eliminato il Brescia nella semifinale dei play-off! - MBNews
Serie b

Il Monza sfiderà il Pisa per la serie A, eliminato il Brescia nella semifinale dei play-off! fotogallery

I biancorossi passano subito in svantaggio per la rete di Tramoni. Poi Mancuso e D'Alessandro, entrati dalla panchina, nella ripresa regalano la finale per la serie A contro il Pisa.

monza-brescia

La trama di un campionato così altalenante e pieno di colpi di scena non poteva che terminare con una partita dal significato particolare e dai contenuti decisamente accesi. Domenica 29 maggio, infatti, sarà Pisa-Monza a decidere chi farà compagnia a Lecce e Cremonese tra le promosse in serie A. Proprio nella città della Torre pendente, in quell’ormai lontano 17 giugno 2007, i biancorossi subirono, tra mille polemiche e più di uno scontro tra tifosi, un cocente 2-0 che sancì un’altra finale play-off, quella per il passaggio dalla serie C alla serie B.

Stroppa e i suoi ragazzi, naturalmente anche tutti i supporter del Monza, anche quelli nati dopo quel nefasto precedente di quindici anni fa, sperano che stavolta le cose vadano diversamente. Prima del match del 29 maggio, del resto, la promozione in serie A si comincerà a determinare giovedì 26 maggio proprio all’U-Power Stadium, dove alle 20.30 si giocherà la partita d’andata. Alla fine di entrambe le partite potrebbero essere necessari anche supplementari e rigori.

monza-brescia

Tra le mura amiche il Monza, che contro il Brescia ha ottenuto due vittorie per 2-1 e sempre in rimonta, dovrà dare il massimo. Magari contando su quella panchina lunga che è stata decisiva anche nel match di ritorno della semifinale play-off. Mancuso, redivivo colpo del mercato invernale, fino ad ora più che deludente, e D’Alessandro, entrambi entrati nella ripresa, hanno ribaltato il vantaggio ospite siglato ad inizio primo tempo da Tramoni.

LA CRONACA

L’atmosfera all’U-Power Stadium per Monza-Brescia, decisiva per decidere chi avrebbe sfidato il Pisa nella finale play-off, dopo l’andata finita 2-1 al Rigamonti per i brianzoli, era calda ben prima del fischio d’inizio. Forse anche troppo, visto lo scoppio di petardi e alcuni tentativi di scontri tra le tifoserie al di fuori dallo stadio.

In avvio Stroppa recupera Caldirola, tornato dallo squalifica, in difesa, dove gioca titolare anche Marrone. A centrocampo Mazzitelli è preferito a Machin. In attacco confermatissimi Dany Mota e Gytkjaer, che ha deciso la partita di andata con una doppietta. Entrambi del resto sono capocannonieri del Monza con 11 reti a testa.

monza-brescia

Il Brescia recupera Huard in difesa, ma non l’infortunato Sabelli. In avanti ci sono Tramoni e Moreo, supportati da Bertagnoli e Leris in un assetto molto offensivo. E si vede sin dai primi minuti. Corini deve aver caricato bene i suoi. Il Monza va subito in difficoltà. Di Gregorio ci mette una pezza su Tramoni e Bertagnoli, ma poi al 7′, sul conseguente calcio d’angolo, non può nulla sulla conclusione dello stesso Tramoni che lo beffa sul primo palo!

I biancorossi, che potevano permettersi anche di perdere con una rete di scarto visto il risultato dell’andata e la migliore posizione in classifica al termine del campionato, reagiscono subito. Carlos Augusto controlla al limite una palla vagante e per poco non trova l’incrocio. Gytkjaer, sul cross di Molina, di testa manda la palla sul fondo davvero di un soffio!

Anche Ciurria prova a mettersi in mostra con poca fortuna. In difesa intanto Caldirola è costretto agli straordinari per salvare su Mangraviti. Del resto il Brescia, soprattutto con Tramoni, Moreo e Leris, tra i più ispirati, crede di poter trovare la rete che significherebbe la qualificazione alla finale play-off. Il primo tempo scorre via, però, tra folate improvvise e grande agonismo in campo.

monza-brescia

Le occasioni da rete, invece, latitano soprattutto nella seconda parte. La punizione di Huard, terminata non lontana dall’incrocio, manda tutti all’intervallo. I tifosi biancorossi appaiono preoccupati, ma il comportamento dei giocatori di Stroppa ispira fiducia.

LA VITTORIA PER LA FINALE

La ripresa inizia senza cambi. Ma ad essere diverso è lo spirito del Monza. Che parte decisamente più convinto e chiude spesso nella propria metà campo il Brescia. Al 52′ bolide di Mazzitelli dal limite, il palo salva Joronen, poi Gytkjaer non riesce nel tap-in vincente!

Pochi minuti dopo Leris rientra sul destro e con un diagonale costringe Di Gregorio alla parata in due tempi. Inizia la girandola dei cambi. E Stroppa questa volta indovina davvero quelli giusti. Tanto che Mancuso, entrato al posto di Dany Mota, piuttosto spento questa sera e poco incisivo, appena due minuti dopo il suo ingresso, lanciato in profondità da Gytkjaer, beffa Joronen con un esterno destro!

monza-brescia

Per l’ex attaccante dell’Empoli, fino ad ora a segno solo contro il Vicenza per un ininfluente 4-0, è la seconda rete in biancorosso. Dieci minuti dopo anche D’Alessandro, entrato al posto di Ciurria, servito da un Carlos Augusto in grande forma, potrebbe segnare, ma si fa ipnotizzare da Joronen.

I minuti passano, il risultato non si modifica. I tifosi biancorossi sono già pronti a festeggiare e contenti per come stanno andando le cose. C’è, però, un’ultima gioia da godere. Al 94′ proprio D’Alessandro parte da centrocampo, va via in velocità, penetra in area e batte Joronen con un perfetto diagonale!

Il sigillo finale scatena ancora di più l’entusiasmo del pubblico. Che esulta ben oltre il fischio finale di Valeri. C’è poco tempo, comunque, prima dell’inizio del prossimo sogno. Il Pisa è l’incubo da scacciare. Se fosse così, sarà fatta la storia.

 

Le foto sono di Alessio Morgese– Agenzia Emage

Marcatori: 7′ Tramoni (B), 70′ Mancuso (M), 94′ D’Alessandro (M)

MONZA (3-5-2): Di Gregorio;  Caldirola, Marrone, Pirola (82′ Antov); Molina, Ciurria (68′ D’Alessandro), Barberis, Mazzitelli (57′ Machin), Carlos Augusto (81′ Bettella); Dany Mota (68′ Mancuso), Gytkjaer. A disp: Lamanna, Donati, Paletta, Colpani, Sampirisi, Vignato, Brescianini. All. Stroppa

BRESCIA (4-3-1-2): Joronen;  Karacic, Mangraviti, Adorni, Huard (75′ Pajac); Bisoli, Van de Looi (63′ Jagiello), Leris (75′ Bianchi); Bertagnoli (75′ Proia); Tramoni (63′ Palacio), Moreo. A disp: Perilli, Andrenacci, Aye, Bajic, Behrami, Papetti. All. Corini.

Arbitro: Paolo Valeri (Roma)

Ammoniti: Huard (B)

Note: Tempo sereno, terreno in buone condizioni. Spettatori 8559 (109.874, 50 euro di incasso).

Recupero: 1′ pt, 5′ st

commenta