Brianza ovest

Maxiprogetto di Terna per rinnovare la rete elettrica: oltre 100milioni di euro da investire

Progetto Terna Brianza Ovest rete elettrica

Sindaci, tecnici ma anche consiglieri comunali e semplici cittadini. Sono quasi un centinaio le persone che hanno partecipato all’incontro organizzato da Terna, il gestore della rete elettrica nazionale, nella serata di martedì 22 febbraio, sulla piattaforma Teams. L’obiettivo illustrare i dettagli del maxiprogetto che vedrà la realizzazione nei prossimi anni di 12,6 km di linee in cavo interrato, a fronte della demolizione di 6,6 km delle attuali aeree dislocate nella Brianza Ovest, oltre alla costruzione di due nuove stazioni elettriche nei Comuni di Barlassina e Cesano Maderno.

Un intervento da oltre 100milioni di euro che mira a razionalizzare ma anche a ridurre l’impatto ambientale della rete elettrica da 380kV tra i comuni di Seveso, Barlassina, Cesano Maderno, Cogliate e Ceriano Laghetto, garantendo una maggiore efficienza del servizio di trasmissione dell’energia e un minor impatto ambientale. Tutto questo in un contesto di intensa urbanizzazione e in tal senso Terna ha annunciato che quando si arriverà alla fase esecutiva, prima dei lavori, per ridurre al minimo i disagi sarà concordato un piano di cantierizzazione con le amministrazioni comunali, e sarà previsto un nuovo incontro con i cittadini. Ma già in queste settimane è in corso un intenso confronto con tutti gli interessati di cui l’incontro via Teams del 22 è  stato solo un passaggio.

Progetto Terna Brianza Ovest rete elettrica

“Al momento è allo studio anche un’alternativa al tracciato, in ottemperanza alla richiesta del comune di Seveso – ha chiarito sull’argomento Luca Mosca, ingegnere di Terna responsabile della progettazione interventi. “La variante uscirebbe dalla Sp44 per percorrere un tracciato che permetterebbe di aggirare, in sostanza, il centro dell’abitato di Seveso, ricongiungendosi poi a quello già stabilito fino alla stazione di Barlassina”.

I dettagli del progetto

Per collegare le nuove linee di elettrodotto da 12,6kilometri alla rete elettrica preesistente, Terna ha annunciato che realizzerà due nuove stazioni, una nel comune di Cesano Maderno e una appena fuori dal centro urbano di Barlassina, cosa che ha destato le preoccupazioni di alcuni cittadini. Per questo motivo si è pensato di realizzarla con la tecnologia cosiddetta blindata, cosa che permetterà di minimizzare le dimensioni planimetriche dell’impianto.

Progetto Terna Brianza Ovest rete elettrica

Il tracciato che congiunge le due nuove stazioni si dividerà in due linee, rispettivamente a nord e a sud degli attuali elettrodotti. Un terzo tracciato in doppio cavo interrato, dalla stazione elettrica di Barlassina percorrerà verso sud circa due kilometri di strade, attraverso il comune di Cogliate, e raggiungerà la stazione elettrica esistente (in basso a sinistra nell’immagine). Stando al progetto, i nuovi elettrodotti interrati percorreranno per la quasi totalità la viabilità urbana e nello specifico, i lavori consisteranno nello scavo di una trincea di dimensioni indicative di 1,6metri di profondità e 1,1 di larghezza. E a tal proposito, come ha garantito Terna, saranno realizzati studi accurati dedicati ai sottoservizi come acque bianche, nere e gasdotti, che saranno censiti, per minimizzare il disturbo alla cittadinanza durante i lavori.

Attenzione alla salute e fasi progettuali

In questi mesi sono stati tanti i cittadini e consiglieri comunali che hanno chiesto rassicurazioni all’azienda. A livello di impatto ambientale, certo, ma anche sul rispetto delle normative vigenti per quanto riguarda i campi magnetici. Secondo quanto raccomandato dal Consiglio dell’Unione Europea, si parla in generale di un valore massimo di 100micro tesla, oltre il quale non si è più protetti da possibili danni alla salute provocati dai campi magnetici. Per le cosiddette aree speciali, come le zone abitative e scolastiche, la normativa italiana indica un limite più restrittivo di 10micro tesla per gli elettrodotti esistenti e 3micro tesla per i nuovi in costruzione. A tal proposito Terna ha rassicurato che non solo verranno svolti dei controlli, i cui risultati saranno pubblici, ma che già il progetto è a norma di legge.

Progetto Terna Brianza Ovest rete elettrica

Progetto che, al momento si trova ancora nella fase di progettazione partecipata, quella nella quale la condivisione con le amministrazioni comunali ha portato a prendere in esame diverse richieste e modifiche di tracciato. Prima di avviare l’iter approvativo, Terna entro l’estate depositerà l’istanza di autorizzazione e di esercizio dell’opera presso il Ministero della transizione ecologica.

Tutti gli aggiornamenti e le ulteriori informazioni, oltre alla documentazione del progetto sono disponibili sul sito: www.terna.it

commenta