Quantcast
M2 "light" fino a Vimercate: il prossimo treno è atteso nel 2022 - MBNews
Trasporti pubblici

M2 “light” fino a Vimercate: il prossimo treno è atteso nel 2022

Sono in corso gli incontri con i Comuni brianzoli per concludere entro fine anno lo studio sulla "Light rail transit" necessario a progettare il prolungamento della M2

METROPOLITANA-VERDE

Il 2022 è l’anno in cui la metropolitana è attesa sul binario vimercatese. L’anno in cui – dopo decenni di promesse non mantenute, progetti buttati e chiacchiere politiche – l’intenzione di dare anche alla Brianza Est un collegamento pubblico veloce, comodo e sostenibile con la metropoli milanese può diventare concreto, portando a compimento il progetto del prolungamento della linea verde M2 dall’attuale capolinea di Cologno Nord fino a Vimercate. Non più nella forma originaria, quella promessa nel 2007 a compensazione della Teem di far avanzare di 9,8 chilometri i treni metropolitani milanesi fino alle Torri Bianche – un progetto bocciato nel 2010 dalla Corte dei Conti perché senza concreta copertura finanziaria e poco sostenibile (l’ultima stima del 2012 era di 567 milioni di euro) – ma nella nuova forma ”Lrt” decisa lo scorso agosto, un collegamento “Light rail transit” che non è pesante e costoso come la metropolitana vera e propria ed è però più veloce e diretto di una normale tramvia. Un metrò leggero, risultato di anni di analisi di varie ipotesi tecniche ed economiche, che ha messo d’accordo tutti, dal capofila che è il Comune di Milano, agli altri enti che cofinanzieranno l’opera a partire da Regione, Città metropolitana, Provincia di Monza e Brianza e quindi i comuni brianzoli a nord di Cologno Monzese interessati dal prolungamento: Brugherio, Carugate, Agrate Brianza, Concorezzo e Vimercate.

Da agosto è in corso l’approfondimento del progetto affidato a Mm spa, uno studio dal valore i quasi 175mila euro che deve definire gli standard infrastrutturali del sistema, effettuare un’analisi altimetrica del tracciato, verificare le principali interferenze, valutare il deposito, fare approfondimenti sul nodo del capolinea della M2 di Cologno nord M2 e quindi fare verifiche sulle alternative di tracciato e delle fermate. Ci sono alcune criticità segnalate sui rispettivi territori dai 5 Comuni brianzoli interessati dal percorso, questioni che devono rientrare nello studio per cui si è dato come termine la fine dell’anno. Sono iniziati da alcuni giorni infatti gli incontri tra i tecnici di Mm spa con i referenti dei Comuni per affrontare le varie questioni locali, un lavoro che va chiuso nel mese di dicembre per dare poi l’avvio alla fase vera e propria di progettazione, la redazione del progetto di fattibilità tecnico-economica fondamentale per poter ottenere i finanziamenti dell’opera. Un traguardo che, a questo punto, è atteso per il 2022 per non far perdere al Vimercatese anche il prossimo treno dei contributi del governo che avrà da distribuire oltre 1 miliardo di euro per gli anni successivi per l’estensione delle reti metropolitane italiane.

leggi anche
massimiliano capitanio
Prolungamento
M2 Cologno-Vimercate, Capitanio (Lega): “Chiesti 2.5 milioni, serve un’iniezione booster”
commenta