Quantcast
CEV Cup 22: la Vero Volley Monza brilla a Zagabria, Mladost battuto 3-1 - MBNews
Pallavolo

CEV Cup 22: la Vero Volley Monza brilla a Zagabria, Mladost battuto 3-1

Vero Volley Monza determinata contro i campioni di Croazia nella gara di andata dei 16esimi di finale, ritorno fissato in Brianza giovedì 9 dicembre: serve vincere due set per passare il turno.

vero-volley-monza-mladost-cev-cup-andata

Battesimo fortunato per la Vero Volley Monza nella CEV Cup 2022. La gara di andata dei 16esimi di finale della seconda competizione in ordine di importanza sorride infatti ai rossoblù di Massimo Eccheli, capaci di espugnare la Dom Odbojke Bojan Stranic di Zagabria battendo 3-1 i padroni di casa e campioni di Croazia del Mladost Zagabria.

Senza Grozer, rimasto in albergo per un attacco influenzale intestinale, i rossoblù utilizzano tutta la loro esperienza per risolvere un confronto approcciato bene, con la vittoria del primo gioco, ma gradualmente complicatosi complice la reazione determinata dei croati. Guidati da un Nikacevic ispiratissimo (migliore dei suoi con 16 punti, di cui 5 muri ed il 61% in attacco), Zagabria fa la voce grossa nel secondo set e risale con veemenza nel terzo dopo essere stata sotto fino alla metà.

Con un Dzavoronok in evidenza (top scorer dei suoi) e un Mitrasinovic in grande spolvero (anche 3 ace per lui contro la sua ex squadra), Monza ha però saputo sprintare nei vantaggi del terzo gioco, imponendosi poi nel quarto dal prologo e fino alla fine grazie alla buona gestione agevolata da Davyskiba e Grozdanov, ben serviti da Orduna, capaci di mettere palla a terra e farsi sentire a muro (rispettivamente 3 e due ciascuno).

vero-volley-monza-mladost-cev-cup-andata3

Importante tra gli altri anche l’ingresso nel secondo parziale di Galliani, all’esordio assoluto in una competizione europea, autore di 2 punti. Fra poco più di una settimana, precisamente giovedì 9 dicembre alle ore 19.00, Monza ospiterà i croati all’Arena per il ritorno. Basterà vincere due set per guadagnarsi il pass per gli ottavi di finale.

Le dichiarazioni post partita

Donovan Dzavoronok (Vero Volley Monza): “Ci aspettavamo che sarebbe stata tosta. Giocare fuori casa, contro squadre che hanno un pubblico caldo e giocano bene, non è mai facile. Siamo felici del successo, utile a creare un bel vantaggio per noi nella serie, ma dobbiamo subito pensare alle cose che dovremo fare meglio al ritorno. Dopo un primo set vinto bene, complice qualche errore di troppo da parte loro, ci siamo fatti sorprendere nel secondo. Dobbiamo cercare di mantenere lo stesso livello per tutta la gara e non lasciarci distrarre dall’avversario”.

La cronaca in breve

Primo set

Gacic sceglie Visic al palleggio, Busa opposto, Nikacevic e Gajic centrali, Zeljkovic e Silva Franca bande e Smiljanic libero. Eccheli risponde con Orduna in diagonale con Mitrasinovic, Beretta e Grozdanov centrali, Dzavoronok e Davyskiba schiacciatori e Federici libero. Il Mladost parte col break di Silva Franca, prontamente recuperato dai monzesi con Dzavoronok, 2-2.

Gli italiani scappano con l’ex Mitrasinovic, autore di un ace, 6-4, accelerando poi con un filotto di quattro punti guidato da Davyskiba e Grozdanov (primo tempo e muro du Busa), 13-8. Gacic inserisce Cvanciger per Visic e Bakonji per Busa ma le cose non cambiano, perchè Monza continua a macinare punti, complice anche qualche sbavatura dei padroni di casa, portandosi con un super Mitrasinovic (Due ace per lui) sul 19-11. Finale tutto monzese, con Orduna, due fiammate del neo entrato Gallaini ed ancora Mitrasinovic a piazzare il 25-16 Vero Volley.

Secondo set

Sestetti confermati e Zagabria più lucido nel prologo con Nikacevic e Silva Franca, 4-1. Il time-out di Eccheli non sortisce gli effetti sperati: al ritorno in campo, infatti, il Mladost accelera con due muri di Nikacevic (uno su Grozdanov e l’altro su Dzavoronok) e un attacco vincente di Silva Franca e Busa, 9-3 ed è ancora pausa Monza.

Alla ripresa del gioco ci pensa Mitrasinovic a guidare i suoi ad un tentativo di recupero, 13-7, ma i croati gestiscono bene il vantaggio e incrementano con Nikacevic e Busa, 15-8. Nel finale Davyskiba tiene in corsa i suoi con qualche assolo (20-13), ma ancora Nikacevic, Zeljkovic e Silva Franca a martellare forte e risolvere il gioco per il Mladost, 25-18.

vero-volley-monza-mladost-cev-cup-andata2

Terzo set

Si rivedono in campo i dodici di inizio gara ed è punto a punto serrato fino al 6-6, con Dzavoronok (anche un ace) e Mitrasinovic a schiacciare per Monza e e Busa Nikacevic a rispondere per Zagabria, 6-6. La Vero Volley piazza il più tre con Grozdanov e Mitrasinovic, 9-6 e Gagic chiama time-out.

Una giocata a testa di Dzavoronok e Mitrasinovic spinge i rossoblù sul 12-8, bravi a mantenersi avanti con Beretta, 13-10. Con pazienza e determinazione i croati pareggiano, con Nikacevicm Zeljkovic e Silva Franca e Gajic (muro su Mitrasinovic) ad impattare, 14-14. Equilibrio di grande intensità fino al 19-19, poi il Mladost piazza il break con Nikacevic e Silva Franca ed Eccheli chiama a raccolta i suoi sul 22-19 per i padroni di casa.

Monza torna in campo e alza l’intensità: Dzavoronok va per due volte a segno, Grozdanov e ancora Dzavoronok stampano un muro a testa su Silva Franca ed è 23-23. Set-point Vero Volley con Grozdanov (25-24), poi Dzavoronok chiude con un bel preziosismo, 26-24.

Quarto set

Galvanizzati dal successo nel precedente gioco, i monzesi partono fortissimo nel gioco con Grozdanov, Dzavoronok, Davyskiba e Mitrasinovic a firmare il 4-1. Nikacevic, dopo il time-out Gacic, spezza il filotto monzese ma solo per un attimo (5-2), perchè gli italiani incrementano 10-5 con Davyskiba ed un errore di Jakovac.

Davyskiba e Grozdanov continuano a trovare i varchi giusti nella difesa dei croati, sempre pronti a reagire con Busa (anche un ace per lui) e NIkacevic, 15-12. Eccheli chiama la pausa ed i suoi, alla ripresa del gioco, si fanno sentire: Beretta e Davyskiba (muro su Busa e attacco vincente) accompagna la Vero Volley sul 21-14. Nel finale generoso tentativo di rientro del Mladost con Jakovac e Gajic, 23-21, ma Monza chiude con Dzavoronok, 25-22.

commenta