Quantcast
Seveso: pensa di essere filmato, minaccia di morte una donna e prende a morsi i Carabinieri - MBNews
Attualità

Seveso: pensa di essere filmato, minaccia di morte una donna e prende a morsi i Carabinieri

Il 25enne è stato quindi arrestato per i reati di violenza, minaccia, resistenza, oltraggio a Pubblico Ufficiale.

Carabinieri (1)

Paura a bordo treno, sulla tratta Camnago – Milano: 25enne nigeriano, convinto di essere stato filmato, ha minacciato di morte una passeggera di Lentate Sul Seveso. L’intervento di un 19enne pakistano ha permesso alla donna di potersi allontanare dal suo inseguitore, mentre il treno ha raggiunto la Stazione di Seveso. Ad attenderlo il 25enne si è trovato i Carabinieri della Compagnia di Seregno, allertati da un addetto alla sicurezza in servizio in quello scalo ferroviario. I militari, dopo avere intercettato il malvivente, hanno fatto aprire le porte del carcere di Monza. L’intervento degli uomini dell’Arma non ha comunque rallentato la circolazione ferroviaria.

Un’escalation di reati di tutto rispetto, quelli commessi in pochi minuti dal 25enne nigeriano, sul treno in corsa di Trenord prima e alla stazione ferroviaria di Seveso poi.

L’uomo, incensurato e residente a Cornate D’Adda, verso le ore 09:00 di ieri mattina, 21 ottobre 2021, in evidente stato di alterazione, verosimilmente dovuto all’assunzione di sostanze stupefacenti, mentre si trovava a bordo del treno, si è avvicinato a una donna di Lentate sul Seveso, minacciandola ripetutamente di morte perché pensava di essere stato videoregistrato.

La 43enne, impaurita, ha provato ad allontanarsi subito, ma è stata inseguita dall’uomo che ha continuato a minacciarla di morte. Lungo il corridoio un ragazzo pakistano di 19 anni, operaio, residente a Lentate sul Seveso, nel tentativo di difenderla, è stato a sua volta aggredito e si è visto strappare il proprio cellulare dalle mani.

Giunto presso la stazione ferroviaria di Seveso, l’indagato è stato fermato da una guardia giurata in servizio presso la stazione, che è riuscita a chiamare i Carabinieri. Una pattuglia del comando locale è immediatamente sopraggiunta. I militari, scesi dal mezzo, udendo le urla inferocite dell’uomo totalmente fuori di sé, in preda a rabbia e aggressività incontrollata, sono subito corsi sulla banchina e dopo esser stati minacciati di morte e spintonati furiosamente, sono riusciti a bloccare il 25enne e a trasferirlo presso il Comando di Seveso, non senza fatica evitandone i tentativi di morsi e di testate.

Il 19enne, vittima della rapina del cellulare, avendo riportando lievi escoriazioni al volto, è stato visitato dal personale sanitario del 118 e ha avuto indietro il proprio telefono. Il 25enne è stato invece arrestato per i reati di violenza, minaccia, resistenza, oltraggio a Pubblico Ufficiale, rifiuto d’indicazioni sulla propria identità personale e denunciato per rapina impropria.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria è stato poi tradotto presso la Casa Circondariale di Monza. Questa mattina la direttissima: arresto convalidato con obbligo di presentazione alla p.g. di Vimercate 3 volte a settimana. Richiesti i termini a difesa con udienza rinviata al 18 marzo 2022.