Quantcast
Serie C, il Seregno non va oltre il pareggio: finisce 1-1 la gara contro il Mantova - MBNews
Sport

Serie C, il Seregno non va oltre il pareggio: finisce 1-1 la gara contro il Mantova

Il Seregno si porta a casa solo 1 punto contro il Mantova e continua la sua striscia di partite utili consecutive: ota testa alla trasferta contro la Juventus U-23.

seregno-mantova-serie-c-2

Dopo il pareggio esterno contro la prima in classifica Padova, ottenuto dopo una buona prestazione di squadra, il Seregno era chiamato a confermare i 3 risultati utili consecutivi fatti registrare nelle ultime giornate. In classifica il Seregno di mister Mariani, con 8 punti racimolati sin qui, ha come obiettivo, giornata dopo giornata, quello di allontanarsi dalle zone basse della classifica cercando di adattarsi il più possibile a questa nuova categoria, per sperare poi, in futuro, di poter essere all’altezza delle squadre più rinomate della divisione. Senza tralasciare il fatto che l’obiettivo promozione è, nelle intenzioni, l’obiettivo di questo progetto triennale.

La cronaca di Seregno – Mantova

Primo tempo

Le due squadre si presentano in campo rispettivamente con un 3-5-2 – il Seregno – e un 4-3-3 – il Mantova –, con mister Mariani che sorprende tutti tenendo in panchina Cocco, l’attaccante che nell’ultima giornata si è reso gran protagonista mettendo a segno il gol del pari nella trasferta di Padova. Al posto dell’attaccante ex Cagliari il Seregno si presenta con D’Andrea.

Il match parte subito fortissimo, con un gol del Mantova al 3′: lancio lungo dalla fascia sinistra a quella di destra da parte di Paudice a pescare Guccione, il quale, dopo una bella galoppata in solitaria, solo davanti al portiere calcia cogliendo il palo lontano, alla destra del portiere; sulla ribattuta arriva per primo, lesto, Paudice stesso che da due passi appoggia il pallone in porta.

A seguito del gol degli ospiti dagli spalti del campo piovono fischi e contestazioni per un possibile fuorigioco da parte di Paudice nel momento del tiro del numero 10 mantovano.

Dopo questa batosta iniziale, il Seregno trova immediatamente la forza per reagire e rendersi pericoloso: lo fa al 10’, quando Guccione commette fallo al limite della sua area su Cernigoi. Sugli sviluppi, Cernigoi si incarica della battuta, ma il suo tiro si rivelerà totalmente sballato.

Spinge forte il Seregno alla ricerca del pareggio, tanto da creare molte occasioni, soprattutto da calcio d’angolo.

Su uno di questi Cernigoi si trova il pallone a disposizione eppure, a mezzo metro dal portiere, non riesce a calciare il pallone prima dell’arrivo del portiere.

Alla metà del primo tempo è sempre il Seregno a fare la partita, il quale cerca disperatamente la via della rete, mentre il Mantova si limita a ripartire, cercando di pungere per trovare il raddoppio.

Intorno alla mezz’ora, il Seregno si crea la sua palla gol più importante: sugli sviluppi di una punizione, la palla finisce in una mischia dalla quale è D’Andrea a uscirne deciso calciando senza farsi pregare troppo e trovando prima la traversa e poi il palo con un solo tiro.

Sfortunato il Seregno, in questa fase di gara, che crea ma non concretizza per mancanza di lucidità, ma anche per colpa di un pizzico di sfortuna.

Il gol arriva, finalmente, al 43’: palla sulla trequarti mantovana gestita molto bene e smistata sulla fascia sinistra, sulla palla accorre Valeau, il quale, di prima intenzione calcia potente all’incrocio dei pali trovando una rete strepitosa.

Sul finire di frazione, nel recupero, Cernigoi spreca un’occasione colossale: su un cross dalla sinistra di D’Andrea, a mezzo metro dalla linea di porta avversaria, con il portiere battuto, di testa manda alto.

Secondo tempo

Il Seregno inizia la seconda frazione di gioco sulla stessa stregua di come l’aveva conclusa, creando occasioni e rendendosi propositivo: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, D’Andrea si trova la palla sul piede, salta un avversario all’interno dell’area, e poi calcia palla, non trovando altro che la parte esterna della rete.

Spinge sempre il Seregno, che prova a cercare il secondo gol con insistenza. Il Mantova, dal canto suo, riparte in contropiede per cercare il nuovo allungo.

Al 61’ il Mantova si rende pericolosissimo: su un lancio lungo, in seguito a una punizione ribattuta dalla difesa Seregnese, Guccione elude la presenza di Signorile prima, per poi scodellare di mancino il pallone in area, senza però trovare nessun compagno a rimorchio, se non un intervento miracoloso della difesa del Seregno.

Strano a dirsi, ma la successiva mezz’ora di gioco la partita non vede più alcuna azione possibile da gol da ambo le parti, ma solo tante proteste e scorrettezze. Quel che non manca, difatti, sono i cartellini gialli estratti dal direttore di gara.

Al termine dei 90′ di gioco saranno 9 gli ammoniti, conditi da una espulsione per il Seregno di Invernizzi per fallo da ultimo uomo.

La prossima partita gli azzurri la disputeranno contro la Juventus U-23 in trasferta.

Seregno che si porta, con questo pareggio, a quota 9 punti, mantenendo a 1 punto di distanza la squadra virgiliana.

Il tabellino

Seregno-Mantova 1-1 (1-1)

Marcatori: 3’ p.t. Paudice (M), 42’ Valeau (S).

Seregno (3-5-2): Fumagalli; Galeotafiore, Borghese, Rossi; St Clair (13’ s.t. Signorile, 40’ s.t. Cortesi), Jimenez (26’ s.t. Vitale), Gemignani, Invernizzi, Valeau (40’ s.t. Zoia); Cernigoi, D’Andrea (13’ s.t. Cocco). A disp.: Lupu, Anelli, Gentile, Aga, Alba, Scognamiglio e Pani. All.: Mariani.

Mantova (4-3-3): Tosi; Esposito, Checchi, Milillo, Darrel; Gerbaudo (28’ s.t. Silvestro), Zibert, Messori; Guccione, Paudice, Bertini (46’ s.t. Zappa). A disp.: Marone, Bianchi, Bucolo, Rihai, Pinto, Panizza, Fontana, Vaccaro e Piovanello. All.: Lauro.

Arbitro: Bitonti di Bologna.

Note: ammoniti Fumagalli (S), Borghese (S), Cernigoi (S), Valeau (S), Gemignani (S), Guccione (M), Paudice (M), Messori (M) e Darrel (M); espulsi Battisti (ds M) al 22’ s.t. per proteste ed Invernizzi (S) al 35’ s.t. per fallo da ultimo uomo su Bertini. Calci d’angolo: 9-2 per il Seregno. Recuperi: 2’ p.t., 5’ s.t.