Attualità

Monza: al cimitero un arcobaleno di 14 vetrate e 110 farfalle in memoria dei piccoli defunti

L’installazione è dell’artista monzese Laura Ferrario ed è stata posizionata nel Campo 8 (quello dedicato ai bambini fino ai 10 anni) del Cimitero di via Foscolo, in occasione della Commemorazione dei defunti.

Cimitero2

Un arcobaleno di quattordici vetrate artistiche e 110 farfalle. Ruota attorno a questi elementi l’installazione dell’artista monzese Laura Ferrario posizionata nel Campo 8 (quello dedicato ai bambini fino ai 10 anni) del Cimitero di via Foscolo, in vista della Commemorazione dei defunti. “Abbiamo studiato un progetto di riqualificazione volto a custodire la memoria dei bambini. È questo il significato profondo di questa installazione: una comunità che si stringe attorno al ricordo dei suoi più piccoli angeli”, ha commentato il Sindaco Dario Allevi.

Le farfalle e l’arcobaleno

L’opera, pensata da Laura Ferrario, è costituita da 14 vetrate artistiche che formano una sorta di quinta protettiva che, ricreando le atmosfere di una cattedrale, spinge le persone a immergersi in una dimensione interiore. Pensata come un luogo in cui sedersi e fermarsi per pregare, leggere o semplicemente trascorrere dei momenti di silenzio con i propri piccoli, vede al centro una seduta che ricorda nella forma un uovo, simbolo dell’inizio della vita.

Per l’installazione l’artista ha scelto simbologie semplici e immediate: la farfalla, leggera e silenziosa, e l’arcobaleno, un potente simbolo di collegamento tra la Terra e il Cielo. In base ai diversi orari della giornata e delle stagioni, le vetrate proiettano i colori dell’arcobaleno sul selciato bianco in modo da riempire la pavimentazione e dipingerla con pennellate di colore vibranti.

Nei prossimi giorni sui due monoliti in granito ai lati della seduta saranno posate 110 farfalle, simbolo delle anime e della brevità della vita, realizzate in lastre di ottone con i nomi dei bambini che sono stati sepolti nel Campo 8. L’opera è inserita all’interno di due aiuole verdi rettangolari: da una parte una siepe di caprifoglio rampicante disegna l’altra quinta a delimitare uno spazio triangolare come un’ala di farfalla stilizzata, mentre all’ingresso si è accolti da una bordura di lavanda profumata. Il costo complessivo dell’intervento è stato di 50 mila euro.

La tecnica 

Le vetrate sono state realizzate con la tecnica della legatura a piombo, con vetri soffiati di vario tipo, completi di vetrocamera di protezione dagli agenti atmosferici ed inserite in telai in ferro zincati e verniciati. Le vetrate sono state fissate al suolo attraverso una fondazione in calcestruzzo appositamente progettata.

La cura della memoria

“I cimiteri sono i luoghi della memoria di una città, in cui nasce il legame più profondo tra la comunità e la propria storia Custodiscono i ricordi e l’identità di un territorio. Per questo negli ultimi anni abbiamo lavorato per rendere i cimiteri urbani spazi sempre più aperti ai cittadini con maggior attenzione al decoro, alla manutenzione e all’ambiente”, ha dichiarato l’Assessore ai Lavori Pubblici Simone Villa.

Laura Ferrario, la tradizione che guarda al futuro. Laura Ferrario, monzese, diplomata all’Accademia di Belle Arti di Brera, oltre alla pittura si interessa di restauro di sculture sacre e vetrate artistiche: suo l’importante intervento eseguito sui rosoni e sulle finestre della Chiesa annessa al convento delle Adoratrici Perpetue del Santissimo Sacramento a Monza tra il 2015 e il 2018.

La sua è una produzione eclettica e sempre in evoluzione, nata dalla passione per la tradizione artistica italiana e sviluppata nel cuore di quel saper fare tipicamente brianzolo della lavorazione del legno e dell’arredo. Fondendo insieme le tecniche rubate alle botteghe artigiane del territorio e le esperienze maturate durante la propria formazione, l’artista ha seguito un percorso particolare caratterizzato dall’utilizzo di rilievi, textures materiche, inserti di vetro e lamine metalliche come foglie d’oro e d’argento.

Cura del verde, il patto di collaborazione

Il decoro dell’area verde del Campo 8 sarà garantito da Valentino Russo che ha firmato un Patto di collaborazione con l’Amministrazione Comunale. Il cittadino attivo si occuperà del taglio dell’erba, della gestione dell’impianto di irrigazione, della pulizia e della manutenzione ordinaria di piccoli arbusti.