Quantcast
Paura a bordo treno per 3 quindicenni accerchiati e derubati dal branco - MBNews
Attualità

Paura a bordo treno per 3 quindicenni accerchiati e derubati dal branco

Gli autori dell'aggressione sarebbero 20 ragazzi di origine straniera, a quanto pare, a bordo treno senza mascherina.

Treno

Paura a bordo treno per 3 quindicenni, nel pomeriggio del 18 ottobre 2021: intorno alle 17.00, sulla linea che da Milano attraverso la Brianza porta ad Asso, sono stati accerchiati e derubati da una ventina di ragazzi. È successo all’altezza di Lambrugo: a raccontare la vicenda è la madre di uno dei giovani minacciati dal branco.

Secondo la testimonianza raccolta da Marta Migliardi su QuiComo.it, gli autori dell’aggressione sarebbero 20 ragazzi di origine straniera, a quanto pare, a bordo treno senza mascherina. Hanno tutti insieme accerchiato il figlio di G. e altri due suoi compagni di classe. Hanno messo le mani addosso alle 3 vittime per verificare che avessero soldi, catenine, telefoni.

“A mio figlio hanno chiesto di aprire la cover del telefonino per verificare se c’erano altri soldi, hanno trattenuto il suo cellulare e alla sua richiesta di ridarglielo la risposta è stata no!”, racconta la madre, aggiungendo che è sua intenzione e dei genitori degli altri due ragazzi, sporgere denuncia alle autorità competenti.

I Carabinieri stanno per attivare le indagini al fine di individuare i responsabili, proprio per questo non è possibile sapere ulteriori dettagli sulla vicenda. La donna ha però voluto sottolineare che non è possibile che non ci sia stato nemmeno un controllore presente.

Secondo quanto raccontato dai tre ragazzi derubati, il branco, prima di focalizzarsi su di loro, stava già seminando disagio sul treno, andando avanti e indietro per i vagoni, probabilmente in cerca di qualche vittima da bullizzare.

“Mio figlio e i suoi amici, conclude Elisa, sono stati intelligenti a non reagire alle provocazioni e alle minacce perché la situazione avrebbe potuto degenerare con conseguenze ben peggiori”, ha concluso la madre.

Foto Free Web

Più informazioni