Quantcast
Calcio: Parma-Monza scontro tra le 'deluse'. Stroppa ottimista: "Berlusconi mi chiama ogni giorno" - MBNews
Sport

Calcio: Parma-Monza scontro tra le ‘deluse’. Stroppa ottimista: “Berlusconi mi chiama ogni giorno”

Domenica 17 ottobre, intorno alle 16, la partita decisiva tra le due squadre: la svolta, per chi vince, il punto di non ritorno per chi perde

giovanni stroppa

La squadra è pronta a raggiungere Parma in pullman. Partenza prevista da Monza, alle 14.30.

Nella tarda mattinata di oggi, sabato 16 ottobre, la conferenza stampa di pre-partita con il Mister Giovanni Stroppa. Quella di domani pomeriggio, tra il Parma e il Monza, poteva essere una tra le partite più importanti di questo ottavo turno: tanto si puntava sulle due squadre ma, di fatto, possono essere considerate “le deluse” del Campionato.

Si trovano a pari punti, solo 9 dopo 7 giornate, e  con le stesse partite vinte. Insomma, quella di domani , sarà la partita decisiva: di svolta, per chi vince, e di non ritorno per chi perde.

“Senza offesa non guardo il Parma, e nessun’altra squadra – commenta Giovanni Stroppa durante la conferenza – I risultati fanno la differenza, ci vuole convinzione. Posso aggiungere che noi dobbiamo migliorare nella gestione della palla, regaliamo troppo: penso che siamo bravi e quindi possiamo farlo”.

Dopo le giornate di stop, è previsto qualche cambiamento tattico? “Stiamo lavorando già da tempo su un’alternativa, non so se domani la metterò in pratica. Già col Lecce ho cambiato qualcosa nel secondo tempo e nel corso della stagione vedremo di trovare un’alternativa”

La grinta del Monza

Dopo la batosta presa con il Lecce, Stroppa ammette: “pensavo di trovarli abbattuti e invece, subito dal primo allenamento, li ho visti davvero sul pezzo, agguerriti, con la voglia di tornare in campo”. E sulla partita di domani, contro il Parma, invece commenta: “Le insidie sono qualità e identità che Maresca ha dato alla squadra. Maresca mi piace e come noi probabilmente ha avuto degli stop, a livello avanzato è la squadra più forte della categoria. Giocare al Tardini fa sentire dei privilegiati, campo bellissimo e tribune vicine: penso non ci sia di meglio per un calciatore”.

Insomma, un Mister positivo quello di oggi in conferenza stampa: “la società è sempre stata molto vicino alla squadra – chiude – Berlusconi mi chiama ogni giorno e mi piace molto”