Quantcast
Ballottaggi in Brianza: al voto Arcore, Desio, Seveso e Vimercate - MBNews
Politica

Ballottaggi in Brianza: al voto Arcore, Desio, Seveso e Vimercate

Arcore, Desio, Vimercate e Seveso di nuovo alle urne domenica 17 e lunedì 18 ottobre.

elezioni-comunali-urna-votazioni-mb

In Brianza 4 comuni tornano alla urne per i ballottaggi. A Desio, Vimercate, Seveso ed Arcore nessuno dei candidati alla poltrona di sindico ha raggiunto la soglia minima del 50% durante le scorse elezioni comunali tenutesi in 10 città della Brianza il 4 e 5 ottobre. Domenica 17 ottobre e lunedì 18 sono le date designate per eleggere definitivamente i nuovi sindaci. Una situazione simile è già accaduta nelle elezioni comunali del 2016, dove al secondo turno sindaco erano proprio tre dei comuni oggi al ballottaggio: Arcore, Desio e Vimercate.

La sfida in tutti e 4 i paesi sarà tutta fra centrodestra e controsinistra. Dai risultati del primo turno a condurre al momento nei paesi è il centrodestra, tranne a Vimercate.

ARCORE

Ad Arcore la sfida è fra Maurizio Bono (Viviamo Arcore; Fratelli d’Italia; Forza Italia e Lega) che al primo turno aveva ottenuto il 45,58% dei voti e Paola Palma (Pd, Lista Prospettiva Civica, Lista Civica Futura) con il 38,51%. Novità rispetto al precedente giro è che questa volta il centrosinistra scende in campo unito dopo l’apparentamento con Luca Monguzzi (ImmaginArcore e M5S) che al primo giro aveva ottenuto quasi il 16% dei voti. C’è però da dire che due pilastri che avevano sostenuto la sua candidatura, Andrea Orrico e Carlo Zucchi, hanno bocciato la nuova sinergia.

DESIO

Sarà sfida serrata a Desio che al primo turno le percentuali raggiunte dai primi due candidati erano vicinissime. Il ballottaggio è fra Simone Gargiulo (Lega, Fratelli d’Italia e della lista civica Per Desio) che ha ottenuto il 39,91% e Jennifer Moro (Partito Democratico, Desio Viva, Sinistra Per Desio e Desio Libera) che ha ottenuto il 36,71%. Poco più di 500 preferenze di differenza che segnano un divario di cui entrambi hanno dovuto tener conto in queste due ultime settimane di campagna elettorale. La linea comune di Gargiulo e Moro è stata quella di dire no ad apparentamenti e ad accordi ufficiali con gli altri tre candidati sindaco di Desio eliminati al primo turno. Desio fra l’altro è stata una città che ha fatto registrare il 3 e 4 ottobre una percentuale veramente bassa (sotto il 50%) di persone al voto, che però potrebbero invece esprimere una preferenza ai ballottaggi.

SEVESO

E’ ballottaggio a Seveso tra Alessia Borroni (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e MuoviAmo Seveso) che al primo turno ha raggiunto il 47% e Gianluigi Malerba (Partito Democratico, Civica Paolo Butti e Seveso Futura) che ha raggiunto il 32%. Clamorosa in questi giorni è stata la scelta dell’ex sindaco Luca Allievi ex uomo della Lega: sosterrà la candidatura di Malerba votando centrosinistra. Allievi al primo turno aveva portato a casa il 16% dei voti.

VIMERCATE

Vimercate ha visto chiudersi l’amministrazione 5 stelle e sembra voler tornare a essere governata dal centrosinistra, visto che al primo turno con Francesco Cereda (Vimercate Futura, PD, Articolo Uno Vimercatese, Vimercate a Colori e Comunità Solidale) ha raggiunto ben il 44,85% dei voti. Lo sfidante Giovanni Sala (Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e Giovanni Sala Sindaco e Vimercate Cambia) si è fermato al 35%. Adesso bisognerà attendere le nuove votazione per vedere dove si posizionerà quella fetta di elettorato del 20% che ha dato la propria preferenza a Francesco Sartini al primo turno. L’ex sindaco fra l’altro ha deciso di non fare apparentamenti. Ultima variabile da considerare sono anche tutti quei cittadini (affluenza del 54%) che non hanno votato al primo turno e che potrebbero invece esprimere una preferenza ai ballottaggi.