Sociale

Arcore, housing sociale Casa Francesco: l’associazione “Mio fratello” avvia la raccolta fondi

Il progetto punta a fornire tre unità abitative a chi viene nel nostro territorio per farsi curare negli ospedali brianzoli. Mio fratello punta a raccogliere 85mila euro entro l'inizio dell'anno prossimo.

casa-francesco-mio-fratello2.2 (Copia)

È probabilmente uno dei proverbi più veritieri “La salute è la prima cosa”. Ma si dovrebbe aggiungere che spesso per curarla, la salute, c’è bisogno anche di una casa. Soprattutto per chi, come dimostrano i numeri della migrazione sanitaria, deve lasciare momentaneamente la propria per raggiungere, magari a centinaia di chilometri di distanza, il luogo dove ci sono i medici e le strutture ospedaliere in grado di intervenire. C’è anche tutto questo alla base della scelta dell’associazione “Mio fratello” di avviare la raccolta fondi per il progetto di housing sociale “Casa Francesco”.

Si tratta di un’iniziativa, sostenuta dalla Asst Brianza, che sta prendendo forma ad Arcore ed opera nella direzione di aiutare i pazienti oncologici durante il lungo e delicato percorso legato alla malattia. Un’idea che “Mio fratello”, nato circa un anno fa in memoria di Francesco Martusciello (nella foto in basso), un giovane morto a 39 anni il 22 ottobre del 2020 dopo una lunga malattia, ha cominciato a perseguire sin dall’inizio con lo scopo di raccogliere fondi in particolare per il dipartimento di Chirurgia Generale Oncologica dell’ospedale di Vimercate, il cui primario Christian Cotsoglou è rimasto molto legato al ricordo di Francesco.

Risale, infatti, agli inizi dell’attività dell’associazione l’inaugurazione ad Arcore di un primo alloggio sociale, “Casa Francesco”, un monolocale di 40 metri quadrati completamente arredato e messo a disposizione di chi, proveniente da lontano, ha individuato nell’Ospedale di Vimercate il luogo idoneo per affrontare il percorso, a volte lungo, di cura.

“Soprattutto da quando gli ospedali hanno ricominciato ad operare e visitare dopo il lungo blocco dovuto al Covid-19, ci siamo accorti che il nostro unico appartamento in locazione non era sufficiente a soddisfare le numerose richieste che ci sono arrivate – afferma Stefano Martini, presidente di “Mio fratello Odv” – così abbiamo pensato di avviare una raccolta fondi per realizzare qualcosa in grado di permetterci di rispondere tempestivamente alle incessanti domande di ricettività temporanea sul nostro territorio dei malati e delle loro famiglie”.

IL PROGETTO

“Housing sociale Casa Francesco” si fonda su una struttura abitativa, individuata ad Arcore da “Mio Fratello”, di circa 160 m², con triplo ingresso. Nelle intenzioni dell’associazione è previsto l’acquisto e la ristrutturazione dell’immobile, da frazionare successivamente in tre unità abitative, due bilocali e un monolocale, spaziose e indipendenti. Il tutto messo a disposizione di chi, proveniente da lontano, ha bisogno di farsi curare, magari anche con famiglia al seguito, all’Ospedale di Vimercate o in altri nosocomi della Brianza.

Il costo totale del progetto è di 170mila euro, la metà dei quali è garantito da un bando promosso da una fondazione di origine bancaria a cui “Mio fratello” è già stata registrata – spiega il presidente Martini – per raccogliere gli 85mila euro mancanti stiamo cercando la sponsorizzazione di aziende che vogliono sostenerci, il patrocinio degli enti locali, come i Comuni e la Provincia di Monza e Brianza che ha già aderito, ma abbiamo bisogno di sensibilizzare le persone perché anche con soli 10 o 20 euro a testa si può fare tanto (qui per donare)”.

“Ci piacerebbe completare la raccolta per il progetto di housing sociale Casa Francesco entro gennaio, massimo febbraio, perché l’urgenza di dare una risposta a chi si sposta per motivi sanitari è tanta” continua.

ospedale-vimercate-mio-fratello-raccolta-fondi

CORRI CON IL CUORE

Nell’attesa di conoscere i prossimi sviluppi di quest’ultima iniziativa, i numerosi progetti messi in piedi da “Mio fratello” vanno avanti. In particolare è in pieno svolgimento “Corri col Cuore”, l’evento running, organizzato dall’associazione “Mio fratello” in collaborazione con MB RUNNERS e con media partner MBNews e l’emittente Lombardia tv (canale 99 del digitale terrestre), per raccogliere fondi a favore del dipartimento di Chirurgia Generale Oncologica dell’ospedale di Vimercate.

“Al momento abbiamo circa 150 iscritti, ma speriamo se ne aggiungano altri ancora – si augura Martini – con la cifra raccolta riusciremo sicuramente a finanziare una borsa di studio per un Master di secondo livello in “Trauma management and acute care surgery” presso l’Asst Grande Ospedale Metropolitano Niguarda”.

Un altro obiettivo raggiunto per l’associazione “Mio Fratello” che in un meno di un anno, tra le altre cose, ha già donato un tromboelastografo di ultima generazione e un paio di occhiali chirurgici galileiani all’Ospedale di Vimercate. Del resto per fare del bene è sempre meglio non porsi limiti. E, soprattutto, come amava dire Francesco Martusciello, “se ti prendi cura delle persone, vinci sempre”.