24 Ottobre 2021 Segnala una notizia
Al Monza non basta Dany Mota, la Ternana pareggia in pieno recupero!

Al Monza non basta Dany Mota, la Ternana pareggia in pieno recupero!

18 Settembre 2021

E’ uno dei dilemmi storici del calcio. Si vince con una difesa di ferro oppure con un prolifico attacco? Dal Fabio Capello versione Milan all’Allegri del primo ciclo Juve, la risposta giusta sembra essere la prima. Per il momento il Monza di Stroppa ci lascia nel dubbio. Perché, due reti subite e tre realizzate dopo le prime quattro partite di questo campionato di serie B, hanno portato fino ad ora 6 punti. L’ultimo nel match casalingo contro la Ternana. Chiuso 1-1, frutto del vantaggio realizzato da Dany Mota e del pareggio subito in pieno recupero.

A pesare come un macigno sul risultato è stato soprattutto l’infortunio a Barillà che, entrato nella ripresa da soli 4 minuti, ha dovuto lasciare il campo per un problema al flessore. Proprio quando il Monza aveva già effettuato i cinque cambi a propria disposizione. E, così, in inferiorità numerica e incapaci di avere la meglio anche di una buona dose di sfortuna, i biancorossi hanno visto vanificare all’ultimo respiro 3 punti che li avrebbero portati a ridosso dei primi in classifica.

La cattiva sorte si è unita alla cabala. Il pareggio, nei 25 precedenti confronti tra Monza e Ternana in serie B, era il risultato più frequente. Si era ripetuto in tutte le ultime quattro occasioni e, spesso, per 1-1. Il Monza, inoltre, non batteva gli umbri addirittura dal 1993. E, a questo punto, dovrà aspettare ancora. Per fortuna, nonostante il risultato positivo a metà, non c’è aria di contestazione. I tifosi biancorossi, anche oggi numerosi nella curva Davide Pieri, hanno continuato a sostenere i propri beniamini perfino dopo il fischio finale.

LA CRONACA

Stavolta il Monza, a differenza delle precedenti tre partite di questo campionato di serie B, aveva cominciato bene il match. La rete biancorossa, infatti, arriva dopo soli 5 minuti. La realizza Dany Mota con una conclusione all’incrocio dalla distanza. Il fatto che il portoghese, uno degli elementi di maggior talento della rosa della società del patron Berlusconi, si sia sbloccato in questa stagione sembra il preludio ad una partita in discesa. E il raddoppio del Monza, dopo il brivido della rete della Ternana annullata per fuorigioco a Pettinari, potrebbe arrivare più volte nel corso del primo tempo.

Al 24′, su un errore difensivo di Defendi, preoccupato dall’arrivo di Carlos Augusto, Gytkjaer incredibilmente mette sul fondo a porta vuota! Mentre Falletti prova ad impegnare Di Gregorio dalla distanza, al 34′ Dany Mota prima stoppa alla perfezione, poi con un esterno destro trova Pedro Pereira che, con un calcio di rigore in movimento, costringe Iannarilli ad un grande intervento di piede!

Prima dell’intervallo, è ancora Gytkjaer a poter iscrivere il proprio nome nel tabellino, ma trova Sorensen sulla propria traiettoria. La ripresa, inizialmente, non sembra cambiare di molto le carte in tavola. La Ternana si fa vedere nella metà campo avversaria con più decisione, ma il Monza ha il controllo della manovra. Certo, ogni tanto qualcosa sfugge in difesa. Come al 52′ sulla conclusione da ottima posizione di Partipilo.

La girandola di cambi vede entrare nel Monza Ciurria e Sampirisi. Ma è Lucarelli ad indovinare le giuste sostituzioni per la Ternana. Palumbo e Donnarumma, in particolare, risulteranno decisivi anche nel recupero. Prima, però, il Monza si rende pericoloso con una punizione di Colpani, un colpo di testa di Carlos Augusto, involontariamente deviato da Mazzitelli e con un paio di strappi di Ciurria. Che, ben supportato da D’Alessandro, ha l’occasione del raddoppio al 92′: il suo tiro, però, viene deviato in corner.

E’ l’ultimo segnale che il Monza, rimasto in dieci, come detto, per l’infortunio a Barillà, non riuscirà a portare la vittoria a casa. Capone accende la gioia dei circa 100 tifosi rossoverdi presenti all’U-Power Stadium, ma non spegne quella dei tifosi biancorossi. Che potranno rivedere dal vivo la squadra di Stroppa, sempre seguita dall’amministratore Galliani in tribuna, due volte nella prossima settimana. Prima martedì 21 settembre alle 20.30 in trasferta contro il Pisa e, poi, sabato 25 alle ore 14 in casa contro il Pordenone.

Le foto sono di Alessio Morgese – Agenzia Emage

Marcatori: 5′ Dany Mota (M), 95′ Capone (T)

MONZA (3-5-2): Di Gregorio; Donati, Paletta, Caldirola; Pedro Pereira (66′ Sampirisi), Colpani (77′ Valoti), Barberis (77′ Barillà), Mazzitelli, Carlos Augusto; Mota Carvalho (77′ D’Alessandro), Gytkjaer (64′ Ciurria). A disp: Sommariva, Machin, Antov, Paletta, Brescianini, Vignato, Pirola. All: Stroppa

TERNANA (3-4-2-1): Iannarilli; Boben, Sorensen, Capuano (55′ Palumbo); Defendi, Proietti, Agazzi (73′ Donnarumma), Martella; Partipilo (61′ Mazzocchi), Falletti (73′ Koutsoupis); Pettinari (61′ Capone). A disp: Krapikas, Kontek, Furlan, Paghera, Ghiringhelli, Peralta, Salzano. All: Lucarelli

Arbitro: Luca Zufferli di Udine

Ammoniti: Ciurria (M), Capone (T)

Note: Tempo nuvoloso con sprazzi di sole, terreno di gioco in perfette condizioni. Gli spettatori sono stati 2332 per un incasso di 30.719 euro

Recupero: 0′ pt, 7′ st

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Filippo Panza
Sono nato nel 1980, anno di grandi eventi sportivi (Olimpiadi di Mosca, Europei di calcio), attentati terroristici (strage di Bologna), terremoti (Irpinia) e misteri ancora irrisolti (Ustica). Ma anche di libri (Il nome della Rosa) e film (Shining), che hanno fatto epoca. Con tanta carne a cuocere, forse era scritto nel mio destino che la curiosità sarebbe stato il motore della mia vita. E così da Benevento, la città che mi ha dato i natali, la passione per la conoscenza e la verità, declinate nel giornalismo, mi ha portato in giro per l’Italia. Da Salerno a Roma, da Napoli a Bologna, fino a Monza. Nel capoluogo della Brianza penso di aver trovato il luogo dove mettere la mia base (più o meno) definitiva e soddisfare la mia sete di scrittura, lettura, sport e tempo libero. Almeno fino a quando il richiamo di qualche Sirena, forse, non mi farà approdare ad altri lidi.


Articoli più letti di oggi