Quantcast
Gattile di Monza: Alfie, il micio malato e chiacchierone, è volato via - MBNews

Gattile di Monza: Alfie, il micio malato e chiacchierone, è volato via

"Ciao Alfie, rimarrai sempre nel cuore di chi ha avuto la fortuna di conoscerti", il commosso saluto di Enpa.

ALFIE

Questa è una triste notizia che non avremmo mai voluto darvi: l’adorabile nonnino Alfie è volato sul ponte dell’arcobaleno, circondato fino all’ultimo dall’affetto delle operatrici del gattile, Roberta e Lara. Arrivato da Cernusco sul Naviglio, a marzo di quest’anno, Alfie le aveva proprio tutte: non era solo anziano, ma anche cardiopatico, ipertiroideo e FIV positivo (ovvero aveva il virus dell’immunodeficienza felina).

In compenso era un gran chiacchierone e aveva conquistato tutti con la sua simpatia e la voglia di comunicare. Trascorreva le sue giornate tranquillamente nel suo bel box a osservare il mondo là fuori dall’alto del tiragraffi o a riposare in un cesto oppure sulla sua branda.

Le coccole e le sessioni di gioco erano i momenti più attesi della giornata: a dispetto dei suoi 12 anni, infatti, era un giocherellone e si scatenava a cacciare la preda piumata attaccata alla cannetta. E quando ti sedevi con lui in braccio, ti infondeva una tranquillità che spesso ci manca nella quotidianità.

Alfie e l’adozione a distanza

Per il suo carattere dolce e affettuoso, Alfie era stato inserito nel Progetto Famiglia a Distanza e le visite dei suoi “genitori a distanza” in gattile erano attimi davvero speciali. A giugno ha pure partecipato alla passeggiata virtuale 4 Passi a 4 Zampe 2021, accompagnato dalla volontaria Juliet (insieme a lui nell’attestato di partecipazione).

Nonostante fosse curato e nutrito sempre al meglio, sapevamo che non avrebbe potuto vivere per tanti anni ancora, ma cercavamo comunque una casa dove avrebbe potuto trascorrere il tempo rimastogli. Negli ultimi giorni, però, le sue condizioni erano peggiorate e dargli una casa è rimasto un sogno irrealizzato.

“Ciao Alfie, rimarrai sempre nel cuore di chi ha avuto la fortuna di conoscerti”, il commosso saluto di Enpa.