23 Settembre 2021 Segnala una notizia
Il Comitato contro la galleria per Viale Cavriga: "Meglio un tunnel in Via Boccaccio"

Il Comitato contro la galleria per Viale Cavriga: “Meglio un tunnel in Via Boccaccio”

13 Settembre 2021

Aprire viale Cavriga sì, aprire viale Cavriga no: questo è il dilemma. E se sì, in quali modalità? Torna a essere protagonista del dibattito pubblico Viale Cavriga, il lungo vialone che attraversa il Parco di Monza collegando il capoluogo brianzolo col comune di Villasanta. Ad oggi parzialmente chiuso al traffico veicolare, l’apertura va dal lunedì al venerdì in sole due fasce orarie: dalle 7 alle 10 e dalle 17 alle 19.30.

Se per molti la chiusura almeno parziale ai veicoli in diverse fasce orarie ha rappresentato un passo avanti verso una Brianza più attenta all’ambiente, è altrettanto vero che la chiusura dell’arteria rischia di aumentare i problemi di traffico e mobilità nelle strade limitrofe. Lo sa che bene il primo cittadino di Monza, Dario Allevi, che ne ha voluto la chiusura parziale, ma che sul tema sogna un concept che circola da anni: la creazione di una galleria interrata sotto Viale Cavriga. Per ora solo un’idea ancora non concretizzata in un progetto vero e proprio, ma che potrebbe conciliarsi con i fondi del Recovery Fund.

Interramento di Viale Cavriga, critiche dai Comitati green

Il progetto, ancora nemmeno sulla carta, sembra essere destinato a dividere. A criticarlo in questi giorni sono in primo luogo i comitati ambientalisti sensibili alle sorti del polmone verde della Brianza – Comitato per il Parco di Monza “Antonio Cederna” e Comitato La Villa Reale è Anche Mia – che hanno definito l’interramento di Viale Cavriga come “insensato sia dal punto di vista storico/culturale che da quello viabilistico“.

“A volte ritornano, si potrebbe commentare, in maniera invero poco originale – tuonano i comitati. – L’ultima occasione, fresca fresca, porta la firma del Sindaco di Monza, nonché Presidente del Consorzio Parco e Villa Reale, Allevi: il progetto di attraversamento del Parco sotto il summenzionato Viale verrebbe inserito nell’agenda legata al Recovery Plan. Già, il progetto: quale? Al momento, non ci risulta ci sia un vero e proprio documento relativo che vada oltre le dichiarazioni di intenti. Una proposta di questo tipo dovrebbe essere ancorata a studi e pianificazioni”.

“Il nodo Viale Cavriga è stato in realtà affrontato negli ultimi tempi con un intervento quale la chiusura parziale di questa arteria nei giorni feriali; disposizione che ha avuto buoni riscontri. È questo un punto di partenza più che significativo: una sperimentazione da proseguire e da integrare con ulteriori operazioni di pianificazione”, dichiara Bianca Montrasio, portavoce del Comitato per il Parco. “Siamo invece totalmente contrari alla realizzazione della galleria. Un’opera di questo tipo avrebbe un forte impatto sul Parco. Implicherebbe la cancellazione di fasce verdi e potrebbe avere qualche conseguenza sulle falde sotterranee, patrimonio da non dimenticare”

Bianca Montrasio, portavoce del comitato per il Parco

“Un autentico spreco di denaro pubblico – chiosa Roberto D’Achille, esponente del Comitato La Villa Reale è Anche Mia. – Riteniamo che il Recovery Plan debba essere al contrario una occasione per recuperare fondi coi quali proseguire nel lavoro di pieno recupero del complesso Parco e Villa Reale”.

La proposta dei Comitati: “Sì all’interramento di Via Boccaccio”

Non finisce qui la presa di posizione dei comitati, che rilanciano con una proposta: l’interramento di via Boccaccio “E’ già previsto dal PRG Benevolo e dal progetto Carbonara che avrebbe il duplice vantaggio di rendere più scorrevole l’asse Viale Brianza/Viale della Libertà e, soprattutto, avrebbe il merito di ricongiungere il complesso Villa e Parco alla città, attraverso i Boschetti Reali tramite la Passeggiata Beauharnais, che porta all’Arco neogotico e da questo ai Giardini Reali, ricollegando tra loro i maggiori monumenti di Monza. – spiegano. – In questa direzione si dovrebbe inserire nella progettazione la ri-naturalizzazione del rudere dell’hockey e il trasferimento altrove in area più adeguata del tennis”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi