25 Ottobre 2021 Segnala una notizia
Monza, piovono segnalazioni per i cattivi odori. Sassoli: "Livello di attenzione è massimo"

Monza, piovono segnalazioni per i cattivi odori. Sassoli: “Livello di attenzione è massimo”

17 Settembre 2021

Un odore acre, che nelle ultime notti accompagna i residenti di alcuni quartieri monzesi, specialmente nella zona di Viale Libertà. A Monza sono in tanti ad averlo sentito e altrettanti che sui social cercano conferme e scrivono domandandosi l’origine dei cattivi odori. “Quartiere Libertà irrespirabile – si legge tra i post. – Insomma…qui una sera sì e una no non si respira…sono anni che segnaliamo e…nulla!!! Stasera però era davvero irrespirabile. Chiuse tutte le finestre e tapparelle per non morire!”. L’allarme “olfattiva” ha messo in guardia i cittadini, che in massa in questi ultimi giorni hanno segnalato al Comune i cattivi odori. A raccontarlo in un post sui social l’Assessore all’ambiente del comune di Monza, Martina Sassoli.

Cattivi odori e aria irrespirabile: i cittadini segnalano

Il tam tam social è iniziato circa dieci giorni fa, soprattutto sui gruppi Facebook locali. “Ogni notte per le strade di Monza di diffonde un forte odore di tipo solvente – scrive un utente. – A volte è talmente forte da far bruciare la gola. A me pare si sprigioni dal Lambro”. “Abito vicino alla Coop via Lecco – prosegue un residente – e da una settimana tutte le sere sono obbligata a chiudere le finestre per il forte odore di sostanze chimiche. Sembrerebbe odore di acetone, forte”. E ancora, “Giovedì, venerdì, sabato e oggi, sono tornata a Monza da pochi giorni e sto chiusa in casa con l’aria condizionata per l’odore nauseabondo – tuona un altro cittadino. – Sono mesi che sembra che gli amministratori di questa città non abbiano il naso”.

I cattivi odori, percepiti anche nel quartiere San Biagio e Sant’Albino hanno fatto scattare nei residenti anche il timore di una riapertura di Asfalti Brianza, l’azienda di bitume operante a Concorezzo. Gli odori, tuttavia, non ne sono in alcun modo collegati in quanto l’azienda è chiusa.

Sassoli: “Stiamo collaborando con le autorità competenti”

L’allarme “olfattiva” è arriva anche alle orecchie dell’Assessora all’ambiente Martina Sassoli, che ha fornito i primi chiarimenti e chiesto ai cittadini un aiuto concreto per risolvere il problema.

“Da giorni stiamo ricevendo segnalazioni da moltissime vie e da molteplici quartieri relativamente a molestie olfattive (detto in altro modo, odori fastidiosi) – spiega l’assessora. – Moltissimi di noi, io in primis, le abbiamo sentite. A diversi orari del giorno e della sera e in zone diverse. Il livello di attenzione è massimo. Stiamo collaborando con Arpa, con Regione Lombardia e con tutte le autorità per comprenderne l’origine (se fosse una) o le origini e arginare il problema. Ma per fare questo, abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti. È davvero indispensabile la massima collaborazione. Vi chiedo dunque di segnalarci a [email protected] ogni episodio, al fine di poter condividere con la massima precisione e puntualità le informazioni con Arpa. Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti”.

L’assessora Martina Sassoli

Sulla questione si è espresso anche il consigliere comunale Paolo Piffer, leader di Civicamente. “Nelle ultime ore ho ricevuto molte segnalazioni da cittadini che lamentano molestie olfattive su gran parte del territorio monzese – scrive il consigliere. – Presentata l’interrogazione durante il consiglio comunale, abbiamo ricevuto subito la risposta dell’Assessore di competenza. Ad oggi non si è ancora riusciti a identificare l’origine delle puzze ma il comune e Arpa stanno lavorando per capirci di più”.
In apertura: viale Libertà, da cui sono arrivate diverse segnalazioni.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia tra Italia e Francia, diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, ho recentemente conseguito una seconda laurea in Storia Politica all’Università di Pavia scrivendo di giornalismo femminile nel Risorgimento italiano. Mi piace entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Giornalista pubblicista.


Articoli più letti di oggi