04 Agosto 2021 Segnala una notizia
Osteoporosi: prevenzione e benessere. L’Intervista alla Dottoressa Valentina Ranzenigo

Osteoporosi: prevenzione e benessere. L’Intervista alla Dottoressa Valentina Ranzenigo

12 Luglio 2021

Un approfondimento sulla malattia con la Fisiatra, dottoressa Valentina Ranzenigo, degli Istituti Clinici Zucchi di Monza e di Zucchi Wellness Clinic

L’osteoporosi è causata da un progressivo indebolimento del tessuto che compone le ossa, con conseguente aumento della fragilità dello scheletro e del rischio di fratture, anche a seguito di minimi traumi. Ma da che è età è necessario cominciare a prestare attenzione? E’ possibile prevenire questa malattia? Se sì, come? Abbiamo fatto tutte queste domande alla Dottoressa Valentina Ranzenigo, Fisiatra agli Istituti Clinici Zucchi di Monza e Zucchi Wellness Clinic

L’INTERVISTA

Quali sono i sintomi e le conseguenze dell’osteoporosi?

L’osteoporosi viene definitiva la malattia delle ossa fragili ed è caratterizzata da una riduzione della densità minerale ossea e da un’alterazione della microarchitettura del tessuto osseo, che provoca un aumento della fragilità dell’osso e, di conseguenza, un aumento del rischio di fratture, anche a seguito di traumi lievi. L’osteoporosi è una condizione spesso asintomatica, specie nella sua fase iniziale.

Quando essa determina una frattura, tuttavia, può portare dolore e deformità, soprattutto a carico della colonna vertebrale.

Esistono vari tipi di osteoporosi?

Sì, esistono due tipi di osteoporosi: primaria e secondaria. L’osteoporosi primaria è la più frequente e si manifesta nelle donne in periodo post-menopausa e negli uomini anziani. L’osteoporosi secondaria è più rara e può essere causata da condizioni quali l’insufficienza renale cronica, patologie ormonali, terapie come i cortisonici e alcuni farmaci antiepilettici.

A che età occorre iniziare a fare attenzione?

In generale si può raccomandare di iniziare a fare prevenzione nelle donne in post-menopausa e negli uomini dopo i 65 anni, in particolare tra coloro che presentano fattori di rischio come la familiarità per fratture e/o osteoporosi, precedenti fratture, eccessivo consumo di alcol, tabagismo e scarsa attività fisica”.

Quali sono le persone più a rischio?

Coloro che presentano, come già accennato, fattori di rischio, quali: età avanzata, pregresse fratture osteoporotiche (vertebre, femore), menopausa precoce, terapia prolungata con cortisonici, tabagismo, scarsa attività fisica, inadeguato apporto di calcio e vitamina D con la dieta.

L’osteoporosi è una malattia che si può prevenire? Come?

Certamente, individuando i pazienti che presentano i fattori di rischio correggendo questi ultimi, seguendo nel tempo i pazienti con esami ematici del metabolismo fosfo-calcico e la densitometria ossea computerizzata (esame meglio conosciuti come “MOC”), impostando se necessario un’adeguata terapia e prescrivendo fisiochinesiterapia per il rinforzo muscolare globale e il miglioramento posturale. 

 

Quali sono i trattamenti/le prestazioni erogate presso gli Istituti Clinici Zucchi per l’osteoporosi e la fragilità ossea?

Da anni esiste presso la nostra struttura l’Ambulatorio Osteoporosi convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale presso il quale i pazienti vengono valutati e presi in carico per il trattamento dell’osteoporosi.

Collaboriamo molto con i Colleghi Medici di Medicina Generale e con altri Specialisti per fornire ai nostri pazienti le migliori cure e assistenza per il trattamento di questa condizione silente che ha un impatto molto rilevante sulla qualità di vita del paziente.

Per prenotazioni e informazioni è possibile chiamare il call center degli Istituti Clinici Zucchi al numero 0392312521 (tasto 2).

 

 

*redazionale

 

 

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Melissa Ceccon
Laureata in Lingue e Letterature Straniere alla Cattolica di Milano. Mamma e moglie. Scrivo sempre e da sempre: nel 2008, il mio primo articolo di cronaca locale. Da allora, non ho più smesso. Sul web racconto anche di libri e di mamme. Nella mia borsa non mancano mai: un romanzo, una penna, un blocco per gli appunti e lo smartphone per catturare immagini e video delle notizie più interessanti.


Articoli più letti di oggi