Quantcast
Olimpiadi di Tokyo, delusione per la Errigo: nel fioretto eliminata ai quarti per 15-7! - MBNews
Sport

Olimpiadi di Tokyo, delusione per la Errigo: nel fioretto eliminata ai quarti per 15-7!

Ai Giochi olimpici, appena iniziati in Giappone, la schermitrice di Muggiò ha perso nel derby italiano contro Alice Volpi. Buon esordio del volley femminile e del basket maschile. E della Maggio nella ginnastica artistica.

errigo-olimpiadi-tokyo (Copia)

Chissà se le Olimpiadi di Tokyo sono le ultime per Arianna Errigo. Ma di sicuro la 33enne schermitrice, nata a Monza e cresciuta a Muggiò, farà fatica a riprendersi dalla delusione vissuta oggi, 25 luglio, nella capitale nipponica. Dove era arrivata con aspirazioni di medaglie e la voglia di rivalsa per cancellare, nella sua arma preferita, il fioretto, lo smacco subito nel 2016 a Rio de Janeiro.

Allora, da fresca campionessa d’Europa e numero 1 del ranking mondiale, aveva perso agli ottavi di finale contro la canadese Eleanor Harvey. Senza contare che, già alle Olimpiadi di Londra nel 2012, aveva subito un duro colpo al morale per quell’argento conquistato, ma perdendo in finale di una stoccata contro Elisa Di Francesca.

Anche alle Olimpiadi di Tokyo, per “TsunAry”, come è soprannominata la Errigo per la propensione a chiudere gli assalti in modo deciso e rapido, è stato fatale un derby. Questa volta a eliminarla nei quarti di finale è stata Alice Volpi, 29enne di Siena, esordienti nei Giochi a cinque cerchi. Non una qualsiasi, certamente. E non solo perché la Volpi è numero 4 del ranking mondiale ed ha vinto un oro mondiale nel fioretto individuale nel 2018. Ma anche, anzi soprattutto, perché la schermitrice toscana è una sua amica, compagna di società a Frascati e, quasi giornalmente, di allenamento.

Nello sport, però, si sa, non esistono amici né parenti. E, così, alla Errigo, che da qualche anno vive a Velletri insieme al marito-allenatore, Luca Simoncelli, non è bastato, di fronte alla più giovane rivale-collega, un palmares scintillante composto dall’oro a squadre e dall’argento individuale conquistati alle Olimpiadi di Londra 2012, ma anche da otto ori europei ed undici mondiali. La Volpi, priva della pietà che nessuno le richiedeva in questo caso, ha messo subito in difficoltà la schermitrice monzese.

E, così, tra una parata e una stoccata, Alice è volata rapidamente sul 10-0. Arianna, però, non è una campionessa per caso. Impugnando il fioretto nella sua mano mancina è riuscita piano piano a risalire la china. Sei stoccate a segno consecutive hanno portato la Errigo sul 7-11. A quel punto, però, la Volpi, fidanzata da più di cinque con Daniele Garozzo, fiorettista medaglia d’oro a Rio e in gara anche a Tokyo, ha ritrovato il filo che sembrava cominciare a perdersi. E a vincere 15-7. Per lei, poi, in semifinale è arrivata la sconfitta 15-10 per mano della favoritissima del fioretto femminile, la russa Inna Deriglazova.

Per Arianna, invece, che nei sedicesimi si era facilmente sbarazzata dell’egiziana Yara Elsharkawy per 15-2 e negli ottavi non aveva lasciato scampo alla giovane canadese Jessica Guo, battuta per 15-8, la chance di portare a casa una medaglia si riproporrà giovedì 29 luglio. Allora sarà una delle protagoniste della squadra femminile italiana di fioretto. E questa volta la Volpi sarà dalla sua parte per cercare di arrivare fino in fondo e battere la fortissima Russia.

GLI ALTRI BRIANZOLI

Le prime giornate delle Olimpiadi di Tokyo hanno visto gareggiare altri portacolori del nostro territorio. Nell’equitazione l’esordiente Francesco Zaza, 37enne cresciuto a Velasca di Vimercate, ha disputato il Grand Prix di Dressage a cavallo della sua compagna di avventura, Wispering Romance, una femmina di 18 anni. Il cavaliere brianzolo ha totalizzato la percentuale del 66,941, frutto di importanti highlights su alcune delle figure previste dal regolamento di gara, ma anche di due errori su movimenti con doppi punteggi. Che sono costati a Zaza l’eliminazione dalla finale individuale di Dressage.

Decisamente meglio è andata a Monza e alla Brianza negli sport di squadra. Nella prima partita del girone di qualificazione, in un percorso che è ancora lungo, l’Italia femminile di volley ha battuto nettamente la Russia 3-0 (25-23, 25-19, 25-14). In campo anche Anna Danesi e Alessia Orro (nella foto in alto), rispettivamente centrale e palleggiatrice del Consorzio Vero Volley di Monza, che hanno totalizzato rispettivamente 6 ed 1 punto. Prossimo impegno per le azzurre guidate da Davide Mazzanti è martedì 27 luglio alle ore 9.25 italiane contro la Turchia.

Successo, ma con qualche patema di troppo, anche per l’Italia maschile di basket al rientro alle Olimpiadi dopo ben 17 anni dall’ultima apparizione. I ragazzi di mister Sacchetti, che ha come assistent coach, Paolo Galbiati, 37 anni, concorezzese, un passato sulla panchina del Bernareggio e poi nella serie A di pallacanestro, hanno battuto la Germania per 92-82. Decisivo l’allungo degli azzurri nell’ultimo quarto, dopo il pessimo inizio e il parziale negativo di 46-43 all’intervallo. Il prossimo match per l’Italbasket sarà mercoledì 28 luglio contro l’Australia alle 10.20 ora italiana.

Intanto in questa prima domenica delle Olimpiadi di Tokyo, dove il clima afoso rende l’atmosfera ancora più pesante, c’è anche l’entrata in scena della Nazionale italiana di ginnastica artistica femminile. Nella squadra oltre a Vanessa Ferrari, alle gemelle Asia e Alice D’Amato e all’individualista Lara Mori, c’è anche la villasantese Martina Maggio. Il primo, grande, obiettivo raggiunto è la conquista dell’accesso alla finale per team in programma martedì 27 luglio.