Quantcast
“A Lissone si consuma il suolo senza motivo”. Il commento di Europa Verde - MBNews
Politica

“A Lissone si consuma il suolo senza motivo”. Il commento di Europa Verde

Il commento dei Verdi Europa Verde di Lissone: "Sappiamo tutti di questo triste primato. Ma il punto è che siamo alla soglia di un disastro ecologico irreversibile."

gru free web

Come confermato da rapporto ISPRA 2021 sul Consumo di suolo presentato lo scorso 14 luglio 2021, Lissone “vanta” il poco invidiabile primato di essere in cima alla classifica dei comuni più cementificati d’Italia. E’ il più cementificato della Lombardia, il quarto a livello nazionale. 71,3% di suolo consumato secondo la modalità di calcolo ISPRA, un indice di consumo dell’80,7% secondo il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale.

EUROPA VERDE LISSONE: “SIAMO ALLA SOGLIA DI UN DISASTRO ECOLOGICO IRREVERSIBILE”

Il commento dei Verdi Europa Verde di Lissone: “Sappiamo tutti di questo triste primato. Ma il punto è che siamo alla soglia di un disastro ecologico irreversibile. E questo dovrebbe preoccupare non solo chi è sensibile al tema dell’ambiente. Anzi. Asfalto e cemento alterano il microclima e innalzano le temperature locali, sottraendo vegetazione, permeabilità e fertilità ai suoli, alterano l’apporto di ossigenazione, sterminano la biodiversità ambientale, imbruttiscono il paesaggio, saturano il traffico. Insomma: peggiora la vivibilità e aumentano i costi sociali. Questo è il presente e il futuro prossimo che vogliamo costruire? Evidentemente no. Serve una politica nuova a Lissone, che sappia guardare al futuro e all’ambiente“.

“Noi di Europa Verde Lissone ci siamo e, insieme a tutte le altre realtà e ai cittadini che comprendono tale emergenza, vogliamo proporre un cambio di passo. Noi ci siamo per fermare l’inaccettabile consumo di suolo tuttora in atto (a fronte di un’offerta abitativa ingiustificata nei numeri). Noi ci siamo per  favorire concretamente  le politiche di mobilità sostenibile, la ciclabilità e tutto quello che può migliorare la salute dei cittadini, la vivibilità del nostro comune, la sostenibilità e l’equità sociale.
Porteremo nuove proposte e buone pratiche, da attuare rilanciando la partecipazione di tutti i cittadini che vorranno contribuire”.