Economia

Il Presidente nazionale di Confartigianato Granelli fa tappa in Brianza: “Riforme, formazione, manodopera: ripartiamo da qui”

Ospite presso la sede di Confartigianato Imprese MI MB, Marco Granelli si è confrontato con il consiglio direttivo dell'associazione di categoria.

barzaghi granelli brambilla mb

Servono riforme vere e complessive del fisco, della giustizia civile, della pubblica amministrazione. E poi serve guardare le imprese, le piccole, sotto i 15 dipendenti, vera spina dorsale del nostro Paese e patrimonio dal valore inestimabile: su loro bisogna credere ed investire. In sintesi è questo il messaggio che Marco Granelli, Presidente Nazionale di Confartigianato manda agli artigiani della Brianza. Ospite nella serata di lunedì 26 luglio presso la sede di Confartigianato Imprese MI MB in via Stucchi a Monza, Granelli si è confrontato con il consiglio direttivo dell’associazione di categoria, a partire da Enrico Brambilla e Giovanni Barzaghi, rispettivamente Segretario e Presidente territoriali.

Enrico Brambilla, Marco Granelli, Giovanni Barzaghi

“Si parla molto dello sblocco dei licenziamenti – ha commentato Granelli – ma io penso che il più grande problema per le nostre imprese artigiane oggi sia trovare manodopera qualificata. Il nostro sistema Paese non è più in grado di rispondere alla domanda di personale e capita spesso che imprese rifiutino commesse perchè mancano le persone, non il lavoro. Su questo la politica e le associazioni di categoria devono interrogarsi e cercare soluzioni: a fianco di sovvenzioni e aiuti per chi il lavoro lo perde, serve ripensare il mondo della scuola e dei percorsi formativi per far avvicinare i nostri giovani al lavoro manuale. E noi su questo ci siamo: la nostra confederazione, che rappresenta a livello nazionale circa 700 mila imprese, è pronta a portare sui tavoli giusti i temi che ci stanno a cuore”.

Granelli, l’incontro con gli artigiani di Milano e della Brianza

Una serata faccia a faccia con il numero uno di Confartigianato, la più grande associazione di categoria di artigiani e piccole-medie imprese italiane. Lunedì sera la Brianza ha aperto le proprie porte a Marco Granelli, emiliano dallo scorso dicembre Presidente degli artigiani, per un confronto con la stampa e con una quarantina di imprenditori. Per l’associazione uno dei primi eventi in presenza – seppur con presenze contingentate – dell’era Covid.

Il confronto tra gli imprenditori MI MB e il Presidente Marco Granelli

Digitalizzazione delle imprese, formazione della nuova forza lavoro, costi e reperimento delle materie prime. Questi i principali punti toccati da Granelli. Poi l’ascolto, delle istanze degli associati in primis, che hanno raccontato al presidente le difficoltà vissute e in parte ancora attuali, ciascuno nella propria categoria.

Barzaghi: “Serve tornare a credere nel lavoro manuale”

“In questi mesi siamo andati dalle nostre imprese, per capire come stessero – ha commentato il Presidente di Milano Monza e Brianza Giovanni Barzaghi – e quello che abbiamo notato è la loro forza, la loro tenacia. Non si sono arrese e credono nei valori che da oltre 70 anni ispirano la nostra azione. Le imprese artigiane sono resilienti, vanno però sostenute: anche qui in Brianza ci aspettiamo che parte delle risorse del PNRR verranno destinate alle piccole imprese, che sono il cuore della nostra economia”.

“E poi insistiamo sulle scuola, sulla formazione: incentiviamo l’apprendistato e contratti che tutelino imprenditori e lavoratori. Il concetto di lavoro manuale si è molto screditato negli anni. Va fatto capire ai nostri giovani, invece, che è sinonimo di dignità, professionalità, eccellenza. Su questo e molto altro sappiamo di poter fare squadra con una struttura che a livello nazionale c’è e porta avanti la voce di tutti noi. Il passaggio questa sera del Presidente Granelli ne è una dimostrazione”.