Quantcast
Arcore, contributo una tantum fino a 500 euro per i commercianti come sostegno per la crisi Covid. - MBNews
Economia

Arcore, contributo una tantum fino a 500 euro per i commercianti come sostegno per la crisi Covid.

Il Comune ha stanziato 50mila euro per l'intervento. A differenza del bando del 2020 questa volta potranno presentare la domanda anche le agenzie di viaggio.

villa-borromeo-arcore3-mb

Nuovo bando per i commercianti di Arcore. A partire dagli ultimi giorni di luglio sarà infatti possibile aderire all’iniziativa per ottenere un contributo fino a 500 euro una tantum. Il fondo è stato creato come forma di  sostegno nei confronti dei negozianti, compresi gli ambulanti, in questo periodo critico dovuto alla pandemia.

In totale il Comune ha stanziato quasi 50mila euro e, rispetto al primo bando dello scorso anno, ora potranno partecipare anche le agenzie di viaggio oltre a tutti gli altri negozianti e agli ambulanti (non alimentari), cui sono destinati 4.800 euro del fondo complessivo. Unici criteri sono quelli di non aver usufruito del sostegno del primo bando dedicato quando erano state accolte 91 domande ed essere in regola con i tributi.

“La scorsa volta abbiamo accettato tutte le 91 richieste presentate  dai commercianti in regola con i tributi- ha spiegato Paola Palma, assessore al Commercio-. Il bando del 2020 aveva uno stanziamento complessivo di circa 70mila euro. Siamo soddisfatti per questo risultato. L’importo del contributo che potremo dare ai negozianti arriva al massimo a 500 euro. Non è una cifra alta ma rappresenta sicuramente un segno di attenzione verso i negozianti di Arcore“.

I contributi saranno assegnati in un’unica soluzione nella misura massima di 500 euro per i commercianti e di 200 euro per gli ambulanti. La delibera è stata approvata dalla Giunta i primi giorni di luglio. Ora è in fase di definizione il bando che verrà pubblicato in questi giorni sul sito del Comune. I commercianti avranno tempo fino a settembre per presentare la domanda per il ottenere il contributo.

Il sostegno è a fondo perduto e una tantum. Questo significa che potrà essere utilizzato per pagare interventi o spese fisse come anche l’affitto.

Più informazioni