25 Luglio 2021 Segnala una notizia
Brianza Pride, una settimana di eventi nel segno dell'inclusività: il 3 luglio il sit-in a Monza

Brianza Pride, una settimana di eventi nel segno dell’inclusività: il 3 luglio il sit-in a Monza

16 Giugno 2021

Sarà un pride diffuso. Tanti eventi, sparsi nel territorio brianzolo per celebrare l’inclusività e la diversità. Torna per la terza edizione il Brianza Pride, la manifestazione organizzata dalla comunità LGBTQ+, questa volta non in veste di corteo cittadino per le strade di Monza, bensì una settimana di eventi che culmineranno il 3 luglio, giorno del sit-in monzese. A presentare il programma, nella giornata di ieri lunedì 14 giugno presso il Civico 144 di Monza, i rappresentanti di Rete Brianza Pride e Brianza oltre l’Arcobaleno, le sigle che meno di un mese fa hanno portato in piazza circa 200 cittadini a favore del ddl Zan.

“Poche segnalazioni, ma la violenza può essere subdola”

E’ tempo di Pride, anche in Brianza. La comunità LGBTQ+ torna in presenza con una serie di appuntamenti a cavallo tra fine giugno (il mese del Pride) e i primi di luglio. Si inizierà domenica 27 giugno con la biciclettata al Parco Nord in mattinata e una serata al Festival di Villa Tittoni a Desio con musica dal vivo e una mostra. Il 28 giugno, invece, appuntamento ad Arcore con un appuntamento sul femminismo; il 29 giugno con una diretta per la presentazione del progetto Switch. Mercoledì 30 giugno il Pride farà tappa a Villasanta con la proiezione del film “Due” e venerdì 2 luglio all’Arcinova di Nova Milanese con il concerto del gruppo musicale “Riciclette”. Ultima tappa della settimana il 3 luglio a Monza con il presidio in piazza Trento e Trieste.

“Anche se le segnalazioni in Brianza sono poche, la violenza nei confronti della nostra comunità è spesso subdola – commentano i membri delle due associazioni. – In questi anni tante cose si sono mosse: c’è più consapevolezza, più giovani si avvicinano alle nostre realtà e il mondo dei media ha fatto emergere problemi spesso ignorati. Tuttavia la strada è ancora lunga: aumentano ad esempio i casi di disagio domestico, cioè ragazze e ragazzi che proprio in famiglia vivono sulla propria pelle discriminazioni di vario genere. Invitiamo le amministrazioni ad incontrarci, insieme possiamo fare un pezzettino di strada insieme. A poco più di 10 giorni dall’inizio della settimana del nostro Pride abbiamo aperto le adesioni e un crowfounding per supportare le spese che dobbiamo sostenere. Piccoli aiuti che possono fare la differenza”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Agnese Zappalà
Agnese Caterina Zappalà, classe 1993. Laureata in Musicologia e Beni Culturali tra Italia e Francia e diplomata all’ISPI di Milano in Affari Europei, adesso studio Storia Politica all’Università degli studi di Pavia. Mi piace scrivere, entrare a contatto con le persone e raccontare le storie che mi emozionano. Leggo tanto, soprattutto i grandi classici della letteratura. Una passione insana per il caffè, il cinema francese e lo shopping esagerato.


Articoli più letti di oggi