03 Agosto 2021 Segnala una notizia
Fenomeno intimidazioni in Lombardia corre in rete: il 39% delle minacce è su web

Fenomeno intimidazioni in Lombardia corre in rete: il 39% delle minacce è su web

8 Giugno 2021

E’ stata condotta, nelle scorse settimane, un’indagine nel territorio regionale della Lombardia, sul fenomeno dell’intimidazione ai danni degli Amministratori locali, che ha registrato l’adesione in forma anonima di 300 Sindaci, 607 Amministratori locali, 457 tra Segretari comunali, Direttori Generali, Dirigenti e funzionari in posizione apicale.

L’importante iniziativa, promossa dalla Prefettura di Milano con la collaborazione di tutte le Prefetture lombarde, da ANCI Lombardia e dall’Associazione “Avviso Pubblico” con il supporto dell’Università degli Studi di Milano, sarà seguita da un incontro sul fenomeno degli atti persecutori nei confronti degli Amministratori locali, che si terrà il prossimo giovedì 10 giugno, alle ore 10:00, con le modalità della videoconferenza.

Punto di partenza dei lavori saranno proprio i risultati del questionario anonimo, somministrato tramite modalità digitale, nelle scorse settimane a tutti gli amministratori locali lombardi, attraverso il quale sono già emersi alcuni interessanti elementi di indagine e riflessione. In particolare, se da una parte il 76% dei partecipanti al sondaggio ha dichiarato di non aver mai subito atti intimidatori – dato sicuramente non esaustivo vista la assoluta volontarietà di adesione al questionario – dall’altra parte ben 54 Sindaci, 84 Amministratori locali e 49 dipendenti comunali hanno riferito di non aver voluto denunciare le pressioni e le minacce subite.

Interessante si rivela altresì il dato relativo alla modalità con cui le condotte di sopraffazione e intimidazione vengono effettuate a danno di coloro che dichiarano di averle subite, e che nel 39% dei casi consistono in calunnie, screditamenti, diffamazioni e minacce operate tramite il web. Non manca peraltro, nel 75% degli aderenti al sondaggio, la consapevolezza dell’opportunità di favorire un utilizzo accorto e responsabile delle piattaforme social da parte degli stessi amministratori locali, al fine di prevenire possibili situazioni di conflitto con la cittadinanza, in tal senso confermando l’utilità di percorsi di sensibilizzazione e formazione sul tema.

L’evento, rivolto a tutti gli Enti territoriali della Regione, rappresenterà l’occasione per approfondire tutti gli aspetti connessi a un fenomeno caratterizzato da una rinnovata attualità, legata anche alle problematiche di natura socio-economica acuite dall’emergenza sanitaria.

La giornata sarà introdotta dal Prefetto Vittorio Rizzi, Vice Direttore Generale della Pubblica Sicurezza e Direttore della Polizia Criminale presso il Ministero dell’Interno, dal Prefetto di Milano Renato Saccone e dal Presidente di ANCI Lombardia Mauro Guerra, e registrerà poi i contributi dei relatori Prof. Nando dalla Chiesa, Professore dell’Università degli Studi di Milano, Dott.ssa Alessandra Dolci, Procuratore Aggiunto e Capo della Direzione Distrettuale Antimafia di Milano, Dott.ssa Patrizia Liguori, Dirigente della Polizia Postale di Milano.

Foto di repertorio MBNews

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi