Quantcast
Vimercate, saracinesche giù al centro commerciale Torri Bianche: "Fateci lavorare come gli altri negozi" - MBNews
Economia

Vimercate, saracinesche giù al centro commerciale Torri Bianche: “Fateci lavorare come gli altri negozi”

Le restrizioni del 2020 hanno tolto il 50% degli affari alle 39 attività presenti alle Torri Bianche: mille lavoratori a rischio

vimercate-centro-commerciale-torri-bianche-chiuso-saracinesca-mb

“Chiudiamo perché vogliamo aprire” e martedì 11 maggio, alle 11 di mattina, anche le saracinesche nel centro commerciale Torri Bianche si sono abbassate. Pochi minuti di chiusura ma sufficienti a lanciare il messaggio a Vimercate, come negli altri centri commerciali d’Italia, che devono finire le restrizioni imposte dal governo da più di 6 mesi solo alla loro categoria e che impedisce di lavorare nei giorni festivi e prefestivi a tutti i tipi di attività presenti nei complessi al chiuso dedicati allo shopping e allo svago.

“L’abbassamento delle saracinesche è un’iniziativa simbolica per sensibilizzare tutti sulle difficoltà causate da queste chiusure prolungate – spiega Vincenzo Lombardi, direttore del centro commerciale Torri Bianche. E’ una misura che sta impedendo di lavorare a un settore che nell’ultimo anno ha perso il 50% della sue possibilità e sta mettendo a rischio tantissime attività”.

All’interno del centro Torri Bianche sono presenti 39 diversi tipi di esercizi commerciali, negozi di ogni tipo dalla piccola tabaccheria al grande supermercato, dalla boutique al ristorante, che complessivamente danno lavoro a un migliaio di persone tra dipendenti diretti e la filiera dell’indotto. Nel 2019 aveva fatto registrare fino a 5 milioni di ingressi complessivi mentre i dati del 2020 indicano ne sono spariti almeno la metà.

Il direttore del centro commerciale Torri Bianche, Vincenzo Lombardi

“Dopo una chiusura così prolungata – prosegue Lombardi – non è più solo una questione di riapertura, ma anche di sopravvivenza delle attività. Chiediamo di poter riprendere a lavorare come tutti gli altri anche perché i centri commerciali sono luoghi sicuri e controllati. Anzi sono più controllati dei negozi sulle strade: all’interno del centro commerciale ci sono i controlli organizzati da noi nelle aree comuni, a cui si aggiungono tutti quelli svolti da ognuna delle singole attività presenti”.