14 Maggio 2021 Segnala una notizia
Monza, quadrilatero dello spaccio sotto torchio: chiude il sottopasso di corso Milano

Monza, quadrilatero dello spaccio sotto torchio: chiude il sottopasso di corso Milano

4 Maggio 2021

La situazione della sicurezza nel quadrilatero monzese, stazione ferroviaria, corso Milano, via Gramsci e via Artigianelli, torna nuovamente al centro dell’attenzione. A tal proposito, nella giornata di giovedì si è tenuta una riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza pubblica, convocata dal Prefetto Palmisani.

Dopo aver ricordato gli importanti risultati raggiunti dal sistema della sicurezza nella lotta allo spaccio nella città di Monza, in particolare nei pressi della stazione ferroviaria e nei giardini di via Azzone Visconti, il Prefetto ha tuttavia evidenziato che “il mercato degli stupefacenti non è scomparso ed è prevedibile che si stia riorganizzando. È pertanto necessario intervenire tempestivamente per contrastare ogni segnale di recrudescenza del fenomeno”.

Parallelamente al contrasto delle condotte criminali, il Prefetto ha rilevato l’esigenza di rivolgere la massima attenzione anche al contrasto di tutti quei comportamenti che, pur non assumendo rilevanza penale, determinano situazioni di inciviltà e degrado, che contribuiscono a ridurre la percezione di sicurezza da parte dei cittadini. Al riguardo, dopo aver rilevato la necessità di continuare a vigilare le vie più interessate dal fenomeno, il Prefetto ha sottolineato l’esigenza che l’azione delle Forze di Polizia sia sostenuta attraverso la realizzazione di alcuni interventi di pulizia e di riqualificazione dell’area in questione.

Sicurezza e il decoro: due facce della stessa medaglia

Il Prefetto Palmisani si è detta “convinta che la sicurezza e il decoro di una città siano due facce della stessa medaglia. Se una diminuisce, diventa più difficile garantire l’altra. Le Istituzioni, allora, devono fare gioco di squadra, ciascuna lavorando sui fronti di propria competenza, nell’interesse della collettività”.

Il Sindaco Dario Allevi e l’Assessore alla Sicurezza Federico Arena, presenti alla riunione, hanno confermato la massima collaborazione della Polizia Locale alle attività di presidio del territorio, ricordando l’impegno costante assicurato nella zona della stazione e nei luoghi più sensibili. “Il primo provvedimento adottato da questa Amministrazione appena insediata è stato l’introduzione di un presidio fisso e quotidiano della Polizia Locale nel piazzale della stazione – ricordano – Sicurezza e decoro sono i capisaldi dell’azione dei nostri agenti e lo dimostrano i risultati conseguiti nella lotta allo spaccio e nella collaborazione costante fornita alle altre forze dell’Ordine e ai militari dell’operazione Strade Sicure”.

Chiusura del sottopasso di Corso Milano

Il Sindaco e l’Assessore hanno annunciato infine, che entro questa settimana il Comune provvederà ad inibire l’accesso al sottopasso pedonale di Corso Milano in prossimità di Largo Mazzini, eliminando così la possibilità di ogni utilizzo improprio dello stesso.

Il Prefetto ha concluso la riunione segnalando che la situazione della stazione ferroviaria, di corso Milano, di via Gramsci e di via Artigianelli dovrà continuare a essere oggetto di monitoraggio, al fine di verificare in un prossimo incontro di aggiornamento l’efficacia degli interventi programmati.

Foto di repertorio MBNews

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Beatrice Elerdini
Giornalista per passione e professione, mi occupo ogni giorno di cronaca nera, politica, attualità, economia e musica. Amo viaggiare, per scoprire luoghi il più possibile sperduti e puri, sono attratta dalle macerie, perché è da lì che nascono le cose migliori. Adoro scorgere la verità in fondo agli occhi delle persone, trovare le loro cicatrici, gli amori, le delusioni e i riscatti. Tutto ciò che appare, ma anche ciò che non si vede è materia preziosa da raccontare. 'Scrivo da sempre e per sempre'. Sono profondamente empatica come ogni scrittore e giornalista deve essere e la mia vita non è che un vano riflesso di quella di tutti gli altri, che nelle parole, nude e crude, scorre impetuosa su un foglio vergine. Volete conoscermi meglio? Cercatemi sul web con nome e cognome!


Articoli più letti di oggi