Politica

Arcore, M5s e Lista civica candidano Luca Monguzzi nei giardini di via Grandi

Quella che nei giorni scorsi era ancora un'ipotesi, anche se molto probabile, nel pomeriggio di venerdì 28 maggio è diventata una certezza

Luca Monguzzi elezioni arcore

Quella che nei giorni scorsi era ancora un’ipotesi, anche se molto probabile, nel pomeriggio di venerdì 28 maggio è diventata una certezza. Luca Monguzzi, nato nel ’63 a Monza e residente in città dal ‘94, sarà il candidato sindaco di M5s, ImmaginArcore e, forse, Verdi per le amministrative di ottobre. E l’opposizione a Pd e alleati è netta nonostante le passate voci di un’apertura. La location della presentazione, il parco di via Grandi, parla da sé.

Nel consiglio comunale infuocato del 26 marzo infatti è stata approvata la modifica del progetto per realizzare la nuova caserma dei carabinieri, tra via Grandi e via Gilera. Non solo, il piano integrato prevede anche la creazione di tre palazzine. L’opposizione di ImmaginArcore, guidata da Carlo Zucchi, e del M5s in quell’occasione era stata netta. E in caso di vittoria alle elezioni, lo ha ribadito Monguzzi, si cercherà di bloccare il progetto, ritenuto dannoso.

Una linea ambientalista dunque, quella del candidato Luca Monguzzi che lavora da vent’anni presso il comune di Monza nel settore dell’edilizia pubblica. Vicepresidente della cooperativa Buonarroti, è nel direttivo della Funzione pubblica di Cgil Monza e Brianza. È anche nel consiglio d’amministrazione della società sportiva Casati Arcore oltre che membro del comitato contro la costruzione dell’RSA. Ribadito anche il no al progetto Pedemontana.

“Quando è tornata in auge la possibilità della Pedemontana, che tra l’altro passerebbe vicinissima a casa mia, ci siamo mobilitati subito – ricorda. ”Nel 2021 bisognerebbe ragionare con più attenzione di mobilità e trasporti, sono soldi che dovrebbero essere spesi molto meglio”.


Dopo dieci anni di Amministrazione Colombo, l’intenzione è poi quella di puntare su un maggior dialogo coi cittadini. Su questo punto la neo formata coalizione lancia una stoccata agli avversari e punta a coinvolgere anche elettori di destra.

“Fino ad oggi chi ha governato Arcore lo ha fatto senza ascoltare le rimostranze dei cittadini – accusa Monguzzi. “In cinque anni non hanno mai accolto un’istanza dell’opposizione se non su questioni marginali. Noi punteremmo sulla condivisione attraverso anche piattaforme social. E’ necessario tra l’altro fare una mappatura di tutti i servizi che mancano e mettere in piedi un piano sul territorio che a lungo termine inizi a sistemarlo in maniera organica, compresa la questione del traffico e il nodo del centro storico“.

La coalizione che sostiene la candidatura di Monguzzi pensa poi alla creazione ad Arcore di un polo sanitario che raggruppi operatori pubblici e privati. E anche di dare sedi migliori alle associazioni arcoresi.